Iscriviti
Torino

Torino: “Fermi tutti o vi contagio con il Covid” rapinatore in banca minaccia tutti a colpi di tosse

Durante una rapina in banca un 62enne ha minacciato gli impiegati a colpi di tosse. "Fermi tutti o vi contagio con il Covid", ha intimato l'uomo, facendosi consegnare circa 4.000 euro.

Cronaca
Pubblicato il 13 settembre 2020, alle ore 02:46

Mi piace
4
0
Torino: “Fermi tutti o vi contagio con il Covid” rapinatore in banca minaccia tutti a colpi di tosse

In tempo di Coronavirus sono cambiate tantissime abitudini quotidiane delle persone a causa delle nuove restrizioni imposte per evitare il più possibile i contagi. Quello che stupisce è il fatto che anche il crimine sia cambiato in tempo di Covid-19.

A dimostrarlo un singolare furto avvenuto mercoledì mattina a Torino, dove una rapina in banca ha preso una piega decisamente particolare quando il criminale non ha minacciato gli impiegati con le armi, ma a colpi di tosse.

L’uomo è entrato nella banca con un bastone ortopedico ed indossando una maschera in lattice sul viso per travisare i lineamenti sotto la mascherina sanitaria. Il criminale ha poi dichiarato la sua intenzione di rapinare la banca ed intimato a tutti di non muoversi minacciando di trasmettere loro il Coronavirus se avessero reagito alla rapina. La minaccia è stata accompagnata da alcuni colpi di tosse “minatori” da parte del rapinatore, che minacciando di contagiare gli astanti è riuscito a farsi consegnare 4.200 euro.

Per evitare di rimanere incastrato nelle porte di uscita dell’edificio, una filiale della Banca Sella di Via Bologna, l’uomo ha portato con sé all’esterno un impiegato della banca ed è poi fuggito con i soldi.
I testimoni del furto sono riusciti a fornire alla polizia la descrizione del ladro, e con gli elementi raccolti i militari sono riusciti ad identificare il protagonista della rapina, un 62enne italiano già noto alla polizia che è stato individuato ed arrestato per rapina.

Nella sua casa sono stati rinvenuti i 4.200 euro rubati, i vestiti indossati durante il furto, la maschera in lattice, il bastone ortopedico, due paia di manette e una pistola giocattolo. L’uomo è un volto conosciuto alle forze dell’ordine, dato che lo scorso dicembre era stato arrestato perché colpevole di un furto ai danni di un supermercato nella periferia di Torino.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Anna Santini

Anna Santini - Veramente incredibile, se le inventano proprio tutte per cercare di farla liscia. Ovvio che magari si potrebbe logicamente avere più paura di una pistola che di un colpo di tosse, ma ormai in questi mesi siamo così impauriti dall'idea del Coronavirus che forse ha immobilizzato più persone tossendo che minacciandole con le armi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!