Iscriviti

Taranto, prof in abito da sposa firma il contratto a scuola: "Costretta ad andare, avrei perso il lavoro""

Assume contorni ben diversi la vicenda della professoressa che lunedì scorso, vestita da sposa, è andata in una scuola della provincia di Taranto per firmare un contratto di lavoro. La diretta interessata ha spiegato tutto in un post a mezzo social.

Cronaca
Pubblicato il 9 settembre 2021, alle ore 18:47

Mi piace
0
0
Taranto, prof in abito da sposa firma il contratto a scuola: "Costretta ad andare, avrei perso il lavoro""

In questi giorni in Puglia, e nel Salento, non si è fatto altro che parlare di una vicenda che, ai più, era apparsa quasi come una favola. Una professoressa, infatti, nel giorno del suo matrimonio, si è presentata presso la scuola dove presterà servizio durante questo anno scolastico per firmare il contratto di lavoro. Anche l’istituto scolastico ne aveva dato notizia sulle sue pagine social, anche se, alcuni giorni dopo, il tutto è stato rimosso. “Vista l’inaspettata diffusione di un post con una nostra collega che firma un contratto annuale in abito da sposa, letti tanti commenti che nascono da valutazioni diverse rispetto a quelle a cui la fotografia voleva rimandare nelle intenzioni, considerate le richieste dei media di saperne di più in merito (quando c’è poco da sapere oltre a quello che la fotografia esprime), si ritiene opportuno eliminare la foto, in accordo con la sua protagonista” – così ha scritto la scuola ove sono avvenuti i fatti. 

Anche la diretta interessata ha chiarito la vicenda sui suoi canali social, affermando di essere stata in un certo senso costretta a recarsi a scuola, in quanto altrimenti avrebbe potuto perdere il lavoro per il quale è stata chiamata. La docente infatti ha firmato un contratto annuale di lavoro. “Rispondo perchè ne sto leggendo di ogni. Non è un posto fisso ma un semplice contratto annuale. Sono stata costretta ad andare a scuola a firmare altrimenti avrei perso un anno di lavoro. Purtroppo la gente parla senza sapere” – così ha scritto la prof, di cui non riportiamo le generalità per motivi di privacy.

Il precariato

In sostanza la vicenda rappresenta un ritratto del mondo del precariato all’interno della scuola, una situazione in cui versano migliaia di insegnanti in Italia. “Il desiderio era solo quello di partecipare e celebrare un momento di gioia e realizzazione personale di una collega. Per quanti si pongono interrogativi e fanno commenti non condividendo o apprezzando lo spirito che ha indotto alla pubblicazione, le risposte vanno cercate altrove, ossia nella normativa di settore che disciplina aspetti puramente tecnici come la modalità in cui deve avvenire una presa di servizio in esito ad una nomina annuale, quando si può e quando non si può chiederne il differimento, la necessità di comunicare per iscritto e in modo formale la presenza di motivi che impediscono la presa di servizio, pur non sussistendo i motivi del differimento” – così ha informano inoltre l’istituto scolastico. 

La foto della professoressa in abito da sposa è diventata virale, ed è stata ripresa non solo dai giornali di tutta Italia, ma anche da molte pagine social che ne hanno celebrato il momento. Le immagini hanno fatto il giro della Rete, ma a quanto pare non hanno trovato il favore della protagonista e della stessa scuola. 

Nessuno si sarebbe aspettato che la foto facesse il giro del web. Sicuramente nei prossimi giorni si potranno conoscere ulteriori dettagli su questa vicenda che ha interessato il Salento. Non è escluso che l’istituto scolastico possa emanare un nuovo comunicato. Nel frattampo la prof sposa ha pronunciato il fatidico “sì” al suo amato

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Queste notizie ci fanno capire di come una notizia, a volte, possa essere travisata. La prof in questione è stata costretta ad andare a scuola vestita da sposa, proprio prima di sposarsi, questo perchè se non lo avesse fatto avrebbe anche perso il lavoro. Si trattava di un semplice contratto di lavoro di un anno, e non di una proposta a tempo indeterminato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!