Iscriviti
Roma

Tamponi: certificati falsi pur di arrivare in Italia dall’india

L'India sta vivendo ore drammatiche a causa della variante Covid e chi può scappa anche procurandosi falsi certificati su tamponi mai eseguiti. Bastano 30 dollari e l'aereo porta a Fiumicino.

Cronaca
Pubblicato il 1 maggio 2021, alle ore 20:08

Mi piace
2
0
Tamponi: certificati falsi pur di arrivare in Italia dall’india

La variante indiana potrebbe trovare la strada aperta, in Italia, nonostante i divieti che il ministero della Sanità ha fissato per chi arriva dall’estero. Nei giorni scorsi, il 9% dei passeggeri (tra i quali due membri dell’equipaggio) arrivati a Fiumicino dall’India, è risultato positivo al Covid. Eppure tutti avevano un certificato di negatività. Interrogati, alcuni di loro hanno ammesso di aver acquistato un falso certificato prima di partire.

Il Messaggero ha raccolto e raccontato le testimonianze di alcuni dei 223 passeggeri del volo Nuova Delhi – Fiumicino, giunto in Italia mercoledì sera. Uno di questi ha riferito: “Il tampone non l’ho fatto, ma ho pagato per farmi rilasciare un falso certificato col timbro“, poi, giunto a Fiumicino si è adeguato alla normativa sottoponendosi al tampone rapido. 

Un documento falso era l’unico modo per partire, visto che anche dall’India si può partire solo se in possesso di un tampone negativo eseguito entro 2 giorni dalla partenza. La normativa dunque esiste, ma gli stessi media indiani denunciano un mercato nero attorno ai certificati fasulli. Purtroppo nonostante l’impegno nei controlli qualche persona positiva resta sempre in circolazione e propaga l’infezione.

Arrivando dall’estero, dall’India in particolare, la normativa italiana prevede la quarantena di 14 giorni, anche se negativi al test. Ma chi controlla queste persone? E’ la domanda che si pone Alessio D’Amato, assessore della Sanità del Lazio: “Davvero pensiamo che un lavoratore tornato dall’India legge l’ordinanza e di sua iniziativa decide di isolarsi?”. D’Amato suggerisce di cambiare sistema recuperando “le liste dei passeggeri tornati dall’India, dal Bangladesh e dallo Sri Lanka”, e inviandole alle Asl di riferimento.

Il timore di tutti e di tornare alla scorsa estate quando, le persone, anche malate, tornavano dal Bangladesh, senza rispettare le ordinanze anti-covid, e accendevano nuovi focolai. La variante indiana del Covid sembra essere tra le più infettanti, è motivo di nuovi timori e preoccupazioni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Conosco persone che pur non arrivando da questi paesi la quarantena se la son vissuta tutta in isolamento. Forse queste persone hanno un forte senso di responsabilità e di rispetto per gli altri. Non credo lo abbiano fatto per paura della sanzione, ma solo per rispetto di sé stessi e degli altri.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!