Iscriviti

Squarta il suo pitbull davanti a tutti. “Il cane è mio e faccio quello che voglio”

Un uomo ha squartato il suo pitbull davanti ad un gruppo di passanti infierendo ripetutamente su di lui con un coltello

Cronaca
Pubblicato il 16 giugno 2014, alle ore 11:14

Mi piace
0
0
Squarta il suo pitbull davanti a tutti. “Il cane è mio e faccio quello che voglio”

Spesso si parla dei pitbull per la loro aggressività e per le loro aggressioni ai danni di uomini ed altri animali. Questa volta, però, a subire un’aggressione è stato proprio un pitbull. Il suo aggressore, però, non è né un altro cane più feroce o un vicino infastidito, bensì il suo stesso padrone, che non ha esitato ad ucciderlo brutalmente.

Derik Alan Huskey, questo il nome dell’uomo del Midland, in Inghilterra, ha tagliato la gola al suo pitbull, lo ha poi pugnalato brutalmente ed ha gettato il suo cadavere dilaniato nel recinto di una villetta. Questo terribile atto di violenza si è consumato, peraltro, davanti ad una folla di passanti e di curiosi, che si sono fermati a guardare la furia dell’uomo. Ai tentativi dei passanti di fermarlo e di farlo ravvedere su ciò che stava facendo, l’uomo ha risposto “Il cane è mio e faccio quello che voglio con lui. Se chiamate la polizia taglio la gola anche a voi”. Con queste parole l’uomo intimava ai passanti di non chiamare le forza dell’ordine.

Quando l’uomo ha gettato il suo pitbull nella recinsione il cane era ancora vivo. Non contento di quanto aveva già fatto, quindi, l’uomo ha scavato ed ha continuato ad infierire sul corpo dell’animale pugnalandolo ripetutamente fino a quanto in cuore di questo povero pitbull non ha smesso di battere. Subito dopo avrebbe sepolto il corpo del suo pitbull e lo avrebbe ricoperto con una sostanza chimica acida.

Le forze dell’ordine, giunte sul posto, in seguito ad alcune segnalazioni, avrebbero riferito che l’uomo era visibilmente ubriaco, il che potrebbe spiegare l’irrazionalità del suo gesto ed il suo accanimento ingiustificato nei confronti di questo povero pitbull, che non aveva commesso alcuna colpa. L’uomo è stato arrestato e rischia adesso due anni di carcere.

Questa volta, quindi, ad essersi dimostrato più violento non è stato il pitbull, ma l’uomo, il suo amato padrone.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!