Iscriviti

Sport sotto choc: il campione olimpionico Yannick Agnel arrestato per stupro di una 15enne

Il due volte oro olimpico Yannick Agnel è stato arrestato per un’accusa terribile: presunto stupro di minore a Parigi. Un’accusa a dir poco infamante.

Cronaca
Pubblicato il 10 dicembre 2021, alle ore 11:16

Mi piace
0
0
Sport sotto choc: il campione olimpionico Yannick Agnel arrestato per stupro di una 15enne

Il nuotatore francese Yannick Agnel, “Le Squale”, ovvero il miglior nuotatore che la Francia abbia mai portato alle Olimpiadi, due volte medaglia d’oro ai Giochi Olimpici, è stato arrestato con la pesante accusa di presunto stupro di una minore di 15 anni.

La misura adottata dalla procura di Mulhouse nascerebbe da una denuncia di un giovanissimo nuotatore che si era allenato con Agnel fra il 2014 e il 2016 e, stando a L’Equipe, diversi altri nuotatori sarebbero stati sentiti nelle ultime settimane.

L’accaduto

Il procuratore di Mulhouse Edwige Roux-Morizot ha indicato che gli investigatori della Direzione territoriale della polizia giudiziaria di Mulhouse hanno arrestato il campione di nuoto nella sua casa intorno alle 12,15 di ieri, giovedì 9 dicembre. Sempre secondo il pm, la presunta vittima ha sporto denuncia quest’estate, per fatti che risalgono a diversi anni fa, esattamente al 2016, quando la vittima dei presunti abusi aveva 15 anni. Il 2016 è l’anno in cui Agnel venne cacciato dal club del quale faceva parte e decise di ritirarsi.

Agnel, nato a Nîmes il 9 giugno 1992, nel corso della sua breve ma spumeggiante carriera, si è specializzato nei 200 e 400 stile libero: su entrambe le distanze è ancora detentore dei primati nazionali sia in vasca da 25 metri che da 50. Nel corso delle Olimpiadi di Londra ha vinto la medaglia d’oro nella 4x100m sl e nei 200m sl e quella d’argento nella 4x200m sl.

L’anno successivo, nel 2013, ai mondiali di nuoto di Barcellona ha ottenuto l‘oro nei 200m sl e nella 4x100m sl. Un mostro assoluto del nuoto fin da ragazzino che, in Francia, si fece notare anche per essere l’unico rimasto fedele al costume classico, al posto delle tute ultra tecnologiche che usavano i suoi avversari.

Dopo il ritiro dall’agonismo, il 29enne si era dedicato agli eSports e lavorava anche come commentatore tecnico di nuoto per alcune emittenti. In questo ruolo aveva seguito anche le gare dei Giochi di Tokyo. Agnel è stato fermato dalla polizia a Parigi e posto in custodia a Mulhouse, nell’ambito di un’indagine per “stupro e aggressione sessuale su una quindicenne”. La polizia ha deciso per l’arresto in quanto i “i fatti sono particolarmente gravi”, anche se potrebbe essere rilasciato, per ora, nel giro di 2 giorni.

Nei giorni scorsi su Instagram aveva annunciato di aver concluso il suo primo libro e che l’uscita prevista era per gennaio 2022. “Ho appena inviato il manoscritto del mio primo romanzo, “Le Radici del Sole”… Non vedo l’ora di rivelarvi di più”, diceva. Ora avrà molto più da rivelare agli investigatori per i fatti contestati…violenze che risalirebbero al 2016.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Un'accusa davvero forte, quella con cui il nuotatore francese deve fare i conti. Mi auguro che la giustizia faccia il suo corso e che si possa fare chiarezza sull'accaduto. Senza ombra di dubbio, la notizia del suo arresto ha lasciato sotto choc tutti coloro che hanno apprezzato il talento di questo olimpionico.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!