Iscriviti

Sospetto caso di meningite per un 13enne di Avellino

Mercoledì 20 febbraio alla Scuola Media Statale “E.Cocchia” è scattato l'allarme per sospetto meningite. La dirigente scolastica ha chiesto informazioni in merito alla condizioen di salute di un alunno

Cronaca
Pubblicato il 20 febbraio 2019, alle ore 15:44

Mi piace
3
0
Sospetto caso di meningite per un 13enne di Avellino

Giorni di paura presso la Scuola Media Statale “E.Cocchia” di Avellino; i genitori di alcuni alunni, infatti, si sono allarmati alla notizia del ricovero di un ragazzino che frequenta la stessa scuola dei loro figli.

Questi genitori, hanno allertato la dirigente scolastica, Gaetana Mauriello, informandola del sospetto ricovero avvenuto pochi giorni prima presso la Città Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino per meningite. La dirigente scolastica si è messa subito in contatto con l’ASL locale per avere risposte ufficiali circa la situazione e capire se prendere provvedimenti. In caso fosse confermata la notizia scatterà una profilassi per tutte le persone che possono essere venute a contatto con il 13enne. La scuola è rimasta chiusa per alcuni giorni per la festa patronale; mercoledì 13 febbraio, l’alunno era regolarmente in classe e non presentava sintomi particolari.

Il ragazzo lunedì 18 febbraio ha avuto la febbre alta e, per questo motivo è stato portato in ospedale e ricoverato immediatamente in pediatria; dopo la visita medica pare che sia stato trasferito nel reparto malattie infettive. Da quanto reso noto, il ragazzo risponde bene alle cure ma non si sa se c’è stato o meno rischio di contagio.

Cos’è la meningite

Il termine indica un’infiammazione delle meningi, che sono le membrane che rivestono il sistema nervoso centrale proteggendo encefalo e midollo spinale.

Le cause possono essere varie: virali, batteriche e fungine. La meningite batterica è la più contagiosa e pericolosa, può causare gravi problemi all’udito, alla vista, ma anche convulsioni e disabilità intellettive. Possono verificarsi problemi anche ad altri organi come cuore e reni e principalmente nei bambini può causare seri problemi neurologici arrivando in alcuni casi fino alla morte.
In caso di meningite virale la cura prevede riposo, assunzione di liquidi ed analgesici, mentre per la meningite batterica può venire somministrato anche corticosteroidi ed antibiotici.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marco Martorana

Marco Martorana - Sono casi che non vanno assolutamente presi alla leggera e necessitano di cure specifiche e di precauzioni per evitare un'epidemia. Casi come questi fanno sempre tornare alla luce l'atavica discussione sui vaccini, sull'obbligatorietà e sulla conseguente cosiddetta immunità di gregge. Credo che sia fondamentale che il più alto numero di bambini sia vaccinato.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!