Iscriviti

Sospeso insegnante di sostegno. Picchiava un bambino autistico di sette anni

In provincia di Reggio Calabria, un bambino autistico di sette anni è stato preso a calci e a pugni dal suo stesso insegnante di sostegno, adesso sospeso.

Cronaca
Pubblicato il 26 gennaio 2018, alle ore 01:13

Mi piace
12
0
Sospeso insegnante di sostegno. Picchiava un bambino autistico di sette anni

A Polistena, un piccolo paese in provincia di Reggio Calabria, un bimbo autistico di soli 7 anni è stato maltrattato dal suo maestro. Il bambino aveva cominciato a mettere sempre più spesso le mani davanti alle orecchie.

Un comportamento inconsueto per il piccolo Giulio, 7 anni, affetto da autismo, che ha fatto insospettire i genitori. Il papà di Giulio è riuscito a farsi dire dal bambino come mai si copriva le orecchie: il motivo? L’insegnante di sostegno lo picchiava.

A quel punto, è scattata la denuncia. Le indagini della polizia giudiziaria della procura di Palmi (Reggio Calabria) hanno scoperto che il docente in servizio come insegnante di sostegno presso l‘istituto comprensivo Brogni di Polistena (Reggio Calabria) aveva picchiato il bambino autistico con calci e pugni.

A inchiodare il docente, e a confermare i maltrattamenti denunciati dai genitori di Giulio, ci sono le riprese effettuate dalle telecamere di servizio e le registrazioni ambientali dell’aula frequentata dal bimbo. Per gli inquirenti, l’insegnante maltrattava Giulio “attraverso continue, perduranti e reiterate vessazioni di ordine psicologico e fisico”, che sfociavano anche in violenze fisiche con lo scopo di indurre nel giovanissimo scolaro uno stato di “soggezione, paura e disagio psico-fisico”. Le violenze avevano provocato una paura e un disagio tali nel bambino autistico che il piccolo Giulio non voleva più andare a scuola.

Giulio reagiva alle molestie del suo maestro, finalizzate, come si legge nella nota disciplinare, all’ “l’intenzione criminosa di ledere l’integrità psicologica, morale e fisica dell’alunno“, chiudendosi in se stesso e coprendosi le orecchie in un atteggiamento di difesa, non avendo altro modo per fronteggiare le prevaricazioni criminose dell’insegnante.

Il docente è stato sospeso per un anno dall’insegnamento, con l’accusa di gravi violenze fisiche e verbali su minore. Il provvedimento è stato emesso dal Gip di Palmi, Barbara Borelli, su richiesta del pm della Procura Anna Pensabene.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Rosalba Bonaccini

Rosalba Bonaccini - È vergognoso che accadano ancora fatti del genere. Ad occuparsi dei bambini e soprattutto di bambini con bisogni speciali dovrebbero essere solo persone qualificate e amanti del proprio lavoro. Solidarietà al piccolo Giulio e ai suoi genitori. Spero che il bambino possa essere aiutato efficacemente per superare il trauma subìto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!