Iscriviti
Napoli

Somma Vesuviana, donna uccisa a coltellate: il marito confessa

Ha confessato l'omicidio della moglie, presentandosi spontaneamente dai carabinieri, Francesco Nunziata. La donna è stata uccisa a coltellate questa mattina nel parcheggio di un supermercato di Somma Vesuviana.

Cronaca
Pubblicato il 16 luglio 2021, alle ore 19:02

Mi piace
0
0
Somma Vesuviana, donna uccisa a coltellate: il marito confessa

Il 70enne Francesco Nunziata, marito di Vincenza Tuorto, 63 anni, uccisa questa mattina a coltellate nel parcheggio del supermercato Etè in via Marigliano, a Somma Vesuviana, ha confessato. 

L’uomo, originario di San Gennarello di Ottaviano, si è presentato spontaneamente, nella tarda mattinata di oggi, data in cui il femminicidio è stato commesso, presso la stazione dei carabinieri di Ottaviano e ha confessato l’omicidio. Nunziata è stato interrogato a lungo dal pm della procura di Mola ed è accusato di omicidio, tentato omicidio e porto abusivo di arma.

La ricostruzione dell’omicidio

L’uomo, nel parcheggio del supermercato, ha affrontato la moglie che, secondo lui aveva una relazione extraconiugale. I due hanno avuto una lite fortissima al culmine della quale l’uomo ha ucciso a coltellate la donna. Nella colluttazione è rimasto ferito un fornitore del supermercato, di 46 anni, intervenuto in difesa della donna; che è attualmente ricoverato all’ospedale di Nola, per via delle ferite che sono preoccupanti. 

Alle 9:30 di questa mattina, il cadavere della Tuorto è stato rinvenuto nel parcheggio del supermercato e presentava ferite compatibili con un’arma da taglio, forse un coltello, anche se non è ancora chiaro il tipo di arma utilizzato dall’uomo per compiere l’omicidio. I sanitari del 118, intervenuti sul posto, hanno solo potuto constatare il decesso della donna, originaria di Saviano ma residente, insieme al marito, a San Gennarello di Ottaviano. 

Sul posto, per l’effettuzione dei rilievi, sono intervenuti i carabinieri di Castello di Cisterna. L’ennesimo femmicidio, dettato da una gelosia accecante dell’uomo nei confronti della moglie…l’ennesima vittima della furia di chi avrebbe dovuto amarla e proteggerla incondizionatamente.  Nelle prossime ore ci saranno ulteriori aggiornamenti che aiuteranno a far luce sull’accaduto, dato che gli inquirenti sono al lavoro. Non si tratta comunque dell’unico omicidio avvenuto di recente e dal movente non del tutto chiaro. Continui episodi di maltrattamenti e vessazioni avrebbero spinto una donna ad uccidere il marito nella casa di Borghetto Bordera, paese in provincia di Alessandria.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Ennesimo femminicidio, ennesima donna che si aggiunge alla lunga lista di coloro che sono state barbaramente uccise da chi diceva di amarle e proteggerle. In questo caso è partito tutto da una gelosia accecante. Mi auguro che le chiavi del carcere, una volta rinchiuso in cella, non vengano mai più utilizzate e che resti lì.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!