Iscriviti

Solidarietà di 2 cugini: a casa hanno 11 e 5 figli ma consegnano oltre 200 pacchi ai bisognosi

Una storia di solidarietà, quella dei cugini Antonello Crucitti e Davide Pacetta che, nonostante le loro famiglie numerose, sono al servizio dei bisognosi, donando loro 200 pacchi alimentari in 2 mesi.

Cronaca
Pubblicato il 31 gennaio 2021, alle ore 13:01

Mi piace
1
0
Solidarietà di 2 cugini: a casa hanno 11 e 5 figli ma consegnano oltre 200 pacchi ai bisognosi

Buon sangue non mente. Solidarietà, fede e famiglia scorrono nelle vene di Antonello Crucitti, papà di 11 figli, di età compresa tra i 5 e i 24 anni, con un lavoro in un ospedale e una casa a Brescia, e di suo cugino, Davide Pacetta, che di figli ne ha 5, di età compresa tra i 6 anni e i 31 giorni. 

Nonostante le loro numerose famiglie, da anni i due cugini si occupano di chi è più in difficoltà, tanto da aver distribuito più di 200 scatole di pacchi alimentari in due mesi alle famiglie bisognose, senza tralasciare genitori separati, single, disabili e anziani.

L’associazione creata da Antonello

Antonello Crucitti, da oltre 25 anni, è il fondatore e il presidente dell’associazione “Fede, speranza e carità”, che può contare sul’aiuto di tanti volontari. Grazie al loro aiuto, non solo materiale ma anche emotivo, l’associazione, nel corso del tempo, è riuscita a impedire 3 suicidi, raggiungendo, in tutti questi anni, 10 mila persone bisognose.

La solidarietà, in questo particolare periodo di pandemia, risulta ancora più rafforzata grazie all’aiuto di aziende private che, conoscendo i cugini, li supportano nella loro missione di distribuzione dei pacchi. Fondamentale – sottolinea Antonello – il sostegno della famiglia, in quanto assieme a sua moglie, ha trasmesso i loro valori anche ai figli che si sono sostituiti al padre nelle consegne quando lui, per motivi di salute, non ha potuto effettuarle personalmente.

Periodicamente i due cugini effettuano telefonate alle persone che seguono per sapere come stanno. C’è un immenso bisogno di un ascolto profondo e di un aiuto vero affinchè, chi attraversa un momento di difficoltà, non si senta solo. Davide, che segue l’esempio di Antonello, tende a precisare che la loro esperienza è accanto alle coppie in crisi, alle donne che hanno paura di portare avanti una maternità, a chi è solo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Katia Lenti

Katia Lenti - Solidarietà è la parola chiave del lavoro encomiabile di questi due cugini specie in piena pandemia, quando accanto ai problemi economici è indispensabile fronteggiare quelli psicologici per scongiurare il peggio. Non posso che apprezzare la loro missione al servizio dei bisognosi e spero che iniziative come la loro servano da esempio per molte altre sul territorio nazionale.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!