Iscriviti

Siracusa: prof rimprovera l’alunno. I genitori corrono a scuola e gli rompono una costola

L'aggressione ha avuto luogo presso l'istituto comprensivo Vittorini di Avola. L'insegnante di educazione fisica è stato subito ricoverato al pronto soccorso. Denunciata per lesioni la coppia

Cronaca
Pubblicato il 11 gennaio 2018, alle ore 11:48

Mi piace
1
0
Siracusa: prof rimprovera l’alunno. I genitori corrono a scuola e gli rompono una costola

Calci e pugni all’insegnante che aveva in precedenza rimproverato in maniera molto vigorosa il figlio. Stamene ad Avola, in provincia di Siracusa, una coppia di genitori (lui di 47 anni, mentre lei di 33) si è presentata all’interno cortile dell’istituto scolastico Vittorini e ha selvaggemente aggredito il professore di educazione fisica, per di più alla presenza degli altri alunni. L’episodio è avvenuto a metà mattinata: il professore stava infatti accompagnando una classe di terza media per l’orientamento informativo in un vicino liceo, quando è stato avvicinato dai genitori del suo alunno.

I colleghi dello sfortunato docente hanno immediatamente chiamato i carabinieri e il 118. Il professore rimasto ferito è stato subito ricoverato presso l’ospedale Di Maria di Avola, dove il personale medico, dopo analisi approfondite, ha riscontrato la frattura di una costola.

Professore aggredito a Siracusa: genitori denunciati

Lesioni e interruzione di pubblico servizio sono i reati contestati ai due genitori del bambino rimproverato. “Non lo conoscevano, hanno chiesto in giro chi fosse e poi lo hanno colpito”, affermano alcuni testimoni, i quali tengono a precisare come il professore non abbia reagito in alcun modo all’aggressione subita. I genitori sembra che siano stati avvertiti dal figlio, infuriato per aver subito un rimprovero da parte del docente di educazione fisica. La scuola ha annunciato l’inizio di un procedimento di indagini interne per capire cosa sia successo.

Secondo quanto si legge in un comunicato dell’istituto, si condanna apertamente “la violenza immotivata subita dal docente”. La comunità dell’istituto Vittorini è assolutamente sconcertata. Un banale rimprovero nei confronti di un alunno di 12 anni, ha provocato danni fisici ingenti al povero docente.

Solo l’intervento dei suoi colleghi e amici, che se la sono cavata solo con qualche graffio, è riuscito a evitare conseguenze peggiori per lo sfortunato 60enne professore di educazione fisica. Sono rimasti completamente scioccati anche gli studenti, per la maggior parte tredicenni, che hanno assistito in prima persona al pestaggio avvenuto nel cortile della scuola.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Luca Santini

Luca Santini - Questo episodio è particolarmente grave e mostra la mancanza di buonsenso e di razionalità da parte di alcuni genitori. Invece di indagare sui motivi del rimprovero nei confronti del proprio figlio, la reazione è stata improntata alla violenza più selvaggia. La speranza è che simili episodi non si verifichino nuovamente nelle scuole del nostro paese, che dovrebbero essere solo un luogo di formazione ed apprendimento per i bambini italiani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!