Iscriviti
Roma

Si lancia sotto un treno in corsa e muore: era scomparso da tre giorni

Armando Maddaloni, 48 anni, ha deciso di farla finita lanciandosi sotto al treno Roma Termini-Centocelle, all'altezza di Ponte Casilino. Il macchinista non è riuscito a frenare e lo ha visto comparire all'improvviso sui binari.

Cronaca
Pubblicato il 27 aprile 2021, alle ore 17:22

Mi piace
0
0
Si lancia sotto un treno in corsa e muore: era scomparso da tre giorni

Un uomo di 48 anni, Armando Maddaloni, si è tolto la vita nella giornata di ieri lanciandosi sotto un treno che percorreva la tratta Roma Termini-Centocelle. L’episodio è avvenuto all’altezza di Ponte Casilino. L’uomo, da quanto si apprende, era scomparso da tre giorni, precisamente dalla giornata di venerdì 23 aprile. Alla moglie aveva mandato un messaggio informandola che stesse tornando a casa, ma il 48enne non è tornato più. 

Dipendente presso gli uffici amministrativi della Marina, Armando ha vagato per tre giorni, e adesso si sta cercando di capire dove sia stato e se qualcuno lo abbia visto in precedenza. Nella giornata di ieri è avvenuto il tragico epilogo di questa vicenda. Un macchinista di un treno che viaggiava sulla corsia opposta ha confermato che l’uomo si è lanciato sopra i binari. Il convoglio poi l’ha travolto. Inutile l’intervento dei sanitari del 118 giunti immediatamente sul posto: gli stessi non hanno potuto constatare l’avvenuto decesso del Maddaloni. 

La moglie ha presentato denuncia

Vedendo che non tornava a casa, la moglie ha deciso di sporgere denuncia di scomparsa. Il giorno dopo l’uomo doveva prendere un treno Frecciarossa per Milano, forse per un impegno di lavoro, ma non si è presentato all’appuntamento in stazione. Questo particolare ha fatto temere alla moglie che potesse essergli successo qualcosa.

Alle ricerche, oltre alle forze dell’ordine, hanno partecipato anche alcuni membri dell’Associazione Penelope Lazio, che aiuta i familiari delle persoe scomparse. Di Armando non ci sono state tracce almeno fino alla giornata di ieri 26 aprile, quando è arrivata appunto la notizia del dramma. L’uomo si è lanciato sotto al treno intorno a mezzogiorno. La linea ferroviaria è stata chiusa fino a questa mattina 27 aprile, quando il traffico è tornato alla normalità.

Gli inquirenti avevano bisogno di tempo, infatti, per poter eseguire tutti i rilievi del caso. L’Atac, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico sul territorio della Capitale, ha informato gli utenti che i treni sulla linea Roma Termini-Centocelle sarebero ripartiti alle ore 13:00 e alle 13:30. La vicenda ha sconvolto familiari, amici e colleghi di Armando Maddaloni.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Ancora un suicidio in Italia. Il fenomeno comincia ad essere preoccupante, anche perché spesso siamo costretti ormai a raccontare questi episodi con cadenza quotidiana. Le autorità sono sempre attente a monitorare la situazione. Sotto shock i familiari e amici della vittima. Se si hanno difficoltà le autorità invitano le persone a rivolgersi ai centri di aiuto presenti in ogni provincia e città italiana.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!