Iscriviti
Napoli

Sfascia il Pronto Soccorso della clinica: "Dovete visitare mio figlio", paura tra i sanitari

L'episodio si è verificato presso la clinica privata Villa dei Fiori di Acerra, nel napoletano. Un uomo ha preteso che il figlio fosse visitato mentre era stato invitato a recarsi presso il Pronto Soccorso dell'ospedale Santobono di Napoli.

Cronaca
Pubblicato il 3 ottobre 2022, alle ore 10:25

Mi piace
0
0
Sfascia il Pronto Soccorso della clinica: "Dovete visitare mio figlio", paura tra i sanitari

Ascolta questo articolo

Durante questi due anni di pandemia abbiamo osservato episodi di violenza nei confronti dei sanitari che lavorano presso gli ospedali, o nelle cliniche private. Si tratta di episodi che fanno sempre discutere la pubblica opinione e che molto spesso provocano l’intervento da parte delle forze dell’ordine. L’ultimo episodio in ordine di tempo risale alle scorse ore e si è verificato in provincia di Napoli, precisamente ad Acerra. Qui un uomo ha preteso che il figlioletto di 12 anni fosse visitato. 

Il piccolo era svenuto, ma quando egli si è recato presso il Pronto Soccorso della clinica privata Villa dei Fiori, ha cominciato ad andare in escandescenza quando gli è stato detto che, vista la situazione, si sarebbe dovuto recare presso l’ospedale Santobono di Napoli. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato chiamati dagli stessi sanitari. 

Sfasciata la vetrata

I sanitari della struttura hanno chiamato le forze dell’ordine in quanto l’uomo in questione, in preda alla furia, ha sfasciato la vetrata del Pronto Soccorso. Momentaneamente l’uomo è anche riuscito a scappare, evitando una denuncia, ma gli agenti di Polizia sono sulle sue tracce in quanto hanno acquisito i filmati ripresi dalla telecamere di videosorveglianza.

“Non tolleriamo più di lavorare in trincea” – questo il commento di Manuel Ruggiero, presidente dell’assocazione “Nessuno tochi Ippocrate”. Le forze dell’ordine nel Pronto Soccorso hanno anche effettuato i rilievi del caso previsti in queste circostanze. Come detto le indagini per individuare il responsabile del danneggiamento sono in corso. 

Il fatto in questione segue praticamente quello avvenuto pochi giorni fa all’Ospedale del Mare, sempre nel napoletano, dove alcune persone dopo aver rifiutato il tampone d’ingresso, obbligatorio per chi si deve ricoverare,  hanno picchiato un infermiere con pugni e gomitate. Anche in questo vi è stato l’intervento delle forze di polizia. Nelle prossime ore potranno conoscersi ulteriori dettagli sull’episodio avvenuto ad Acerra.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Queste notizie ci fanno capire come purtroppo la gente si arrabbi oramai anche per le cose più stupide, danneggiare una struttura come un Pronto Soccorso è qualcosa da folli. Sicuramente l'uomo in questione sarà rintracciato dalle forze dell'ordine e pagherà secondo la legge quanto commesso. Shock per i sanitari e le persone presenti nella clinica.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.