Iscriviti
Roma

Scuola romana chiude i battenti per coronavirus dopo pochi giorni dall’apertura

All'interno del liceo Marymount di Roma, un ragazzo dell'ultimo anno è risultato positivo al tampone: tutti gli insegnanti ed i compagni sono stati messi in quarantena.

Cronaca
Pubblicato il 4 settembre 2020, alle ore 20:09

Mi piace
13
8
Scuola romana chiude i battenti per coronavirus dopo pochi giorni dall’apertura

Questo di Roma è il primo caso di contagio da Covid-19 all’interno di una scuola italiana.  L’istituto Marymount International di Roma è un istituto prestigioso e molto conosciuto nella capitale: l’istituto è una scuola paritaria. Quello che si è verificato questa mattina è il primo caso di contagio all’interno delle mura scolastiche.

Un ragazzo che frequenta l’ultimo anno del liceo è risultato positivo al tampone e per questo tutta la classe e gli insegnanti che sono entrati in contatto con il ragazzo sono stati messi in quarantena in attesa di poter fare il test. L’allarme è scattato questa mattina e il preside, venuto a conoscenza dei fatti, ha avvertito subito i genitori dei ragazzi e tutti i docenti.

A pochi giorni all’inizio della scuola non c’è nessuna certezza

Uno degli aspetti più complicati della gestione post pandemia riguarda proprio il rientro a scuola. Aprire le scuole è indispensabile per garantire l’apprendimento dei bambini e anche per permettere ai genitori di potere tornare al lavoro, ma allo stesso tempo rappresenta una sfida molto importante per il governo e per l’Istituto Superiore della Sanità che lavorano per evitare il diffondersi del virus all’interno delle mura scolastiche.

Mancano pochi giorni all’apertura ufficiale di tutte le scuole e sembra non sia ancora possibile garantire l’apertura con dei protocolli di sicurezza ottimali per limitare i contagi. Molte persone sono convinte che la questione del rientro a scuola non sia stata gestita in modo sufficientemente corretto dall’attuale governo.

In questo momento, molti istituti lamentano il fatto di non aver ancora ricevuto i banchi monoposto, altri si trovano dinanzi al problema di non avere aule sufficienti per garantire il distanziamento sociale. Le problematiche che stanno emergendo mano mano fanno temere che la riapertura della scuola, il 14 settembre, non sia così scontata. Questo dubbio è fomentato dal fatto che la Regione Lazio ed il comune di Roma abbiano già iniziato a mettere le mani avanti.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Marella

Daniela Marella - Purtroppo temo che quello che è accaduto nell'istituto romano sia il primo di una lunga serie di casi, se pensiamo che quest'istituto aveva aperto le porte esattamente 5 giorni fa. Credo che sia impensabile poter garantire un distanziamento sociale considerando che le scuole sono molto piccole e che non hanno personale a sufficienza: per dividere la classe in due servono anche doppi docenti. Se il primo contatto si è verificato a soli 5 giorni dall'apertura e, per di più con pochi alunni all'interno della scuola, figuriamoci quando la capienza sarà totale...

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!