Iscriviti

Scossa di terremoto di magnitudo 4.2 in Calabria

Questa mattina alle ore 7.24 è stato avvertito registrato un terremoto di magnitudo 4.2 a largo della costa calabra sud occidentale a 11 km di profondità.

Cronaca
Pubblicato il 28 settembre 2018, alle ore 14:40

Mi piace
3
0
Scossa di terremoto di magnitudo 4.2 in Calabria

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata questa mattina, alle ore 7.24, a largo della costa calabra sud occidentale a 11 km di profondità. 

La scossa è stata avvertita nelle aree di Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio di Calabria, ma anche nel messinese, ed ha portato il panico tra gli abitanti della zona. Il terremoto non ha causato danni a persone o a cose.

Il terremoto

Il terremoto che si è verificato questa mattina alle 7.24, è stato localizzato dalla sala sismica Ingv-Rom. Nell’arco della giornata si sono verificate delle piccole scosse di assestamento con un’intensità lieve, fra l’1.7 e 1.9 di magnitudo, e epicentro nello Stretto di Messina e al largo della costa Viola, nel reggino.

Secondo quanto riferito dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in un tweet, la scossa è stata registrata nel sud della Calabria, tra Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Palmi, Bagnara Calabra, Seminara e Scilla. 

In via precauzionale e per accertarsi che non c’erano danni ai binari, è stata sospesa la circolazione dei treni sulla linea Reggio Calabria-Rosarno, ripristinata dopo le 11.00. I treni regioanli coinvolti dalla sosspensione sono stati 13 e hanno accumulato un ritardo di circa due ore.

Il Vicesindaco del comune di Palmi, Soccorsa Bruno, sottolinenado che non ci sono danni a persone o cose, ha dichiarato “La scossa si è avvertita parecchio. Siamo in contatto con la protezione civile regionale e abbiamo allertato il centro operativo. Squadre sono uscite a perlustrare la zona e a fare verifiche“. Inoltre, sta valutando le condizioni delle scuole insieme alla protezione civile e ai dirigenti dei vari istituti.

Smentita l’allerta tzunami

La protezione civile regionale ha smentito le voci infondate secondo cui questo terremoto potrebbe essere un campanello d’allarme per  un possibile tsunami. In una nota, la stessa “si riserva di sporgere denuncia contro ignoti alle autorità competenti per procurato allarme“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giovanna Barone

Giovanna Barone - I rischi terremoti in alcune aree del territorio italiano sono maggiori che in altre zone. Tra faglie, vulcani attivi e inattivi, il rischio sismico è elevato. Fortunatamnete, in questo caso, non ci sono stati danni a persone o cose. Specialmente in queste aree bisognerebbe promuovere e presentare delle campagne di informazione in caso di sismi.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!