Iscriviti

Rovigo, il neonato abbandonato al cimitero è salvo

Il neonato trovato in un cassonetto vicino al cimitero di Rosolina Mare, in provincia di Rovigo, è salvo. Il piccolo è stato trovato da un passante che si stava recando al cimitero e che aveva udito i suoi gemiti.

Cronaca
Pubblicato il 24 aprile 2019, alle ore 19:16

Mi piace
7
0
Rovigo, il neonato abbandonato al cimitero è salvo

Lo hanno chiamato Giorgio (dal nome della prima infermiera che lo ha tenuto in braccio, Giorgia Cavallaro), il neonato di circa tre chili, ritrovato in un cassonetto nei pressi del cimitero di Rosolina Mare, in provincia di Rovigo. Il piccolo, nato da poche ore, aveva ancora il cordone ombelicale attaccato e la placenta. Per caso, verso le nove, una passante che si stava recando al cimitero ha sentito il suo pianto disperato.

Il piccolo nudo si trovava all’interno di un borsone sportivo rosso. La passante ha subito allertato le forze dell’ordine, ed il neonato è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Adria in condizioni gravi, poiché è stato ritrovato in ipotermia. Prontamente quindi è stato messo in una culla termica. Le sue condizioni cliniche sono rapidamente migliorate, ed ora è fuori pericolo.

Secondo i medici non era trascorsa più di mezz’ora da quando è nato a quando poi è stato trovato nel cassonetto col cordone ombelicale e la placenta ancora attaccati. I carabinieri stanno ora indagando per delineare meglio i contorni della vicenda ed individuare la mamma del piccolo e chi eventualmente l’ha aiutata a sbarazzarsi del neonato.

Fondamentali in questo frangente le telecamere pubbliche poste fuori al cimitero di Rosolina Mare. La cosa importante ora è che il bimbo è fuori pericolo e certamente il personale medico ed infermieristico dell’ospedale di Adria non mancherà di offrirgli tutte le cure mediche e psicologiche necessarie alla sua completa guarigione.

Al vaglio degli inquirenti ora la fase successiva della vicenda. Rintracciare i responsabili che hanno abbandonato e messo in serio rischio la vita di questa creatura innocente. Tutte le piste sono aperte. Difficile sapere se il piccolo sia stato trasportato lì appositamente, o se la mamma abiti nelle vicinanze. Dal momento che era ben idratato, non si esclude che poco prima dell’abbandono abbia fatto una poppata. Il piccolo sarà trasferito a breve all’ospedale di Rovigo.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Una tragica storia che ha avuto invece un lieto epilogo. Una creaturina così piccola già abbandonata dentro un cassonetto. Qualsiasi motivazione abbia potuto spingere la madre a fare un gesto del genere è del tutto ingiustificabile. Le opzioni che aveva erano tante e lei ha scelto la peggiore che potesse intraprendere.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!