Iscriviti
Roma

Roma: tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini, insultati e colpiti alla testa

A Roma, tre maestre e una collaboratrice scolastica sono state accusate di maltrattamenti su bambini da tre ai cinque anni. Le donne avrebbero offeso e strattonato i piccoli, oltre a colpirli alla testa.

Cronaca
Pubblicato il 8 gennaio 2019, alle ore 14:01

Mi piace
2
0
Roma: tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini, insultati e colpiti alla testa

Una collaboratrice scolastica e tre maestre sono state arrestate con l’accusa di maltrattamenti sui minori dai tre ai cinque anni dell’asilo di Ariccia, comune dei Castelli Romani: le quattro si trovano ora agli arresti domiciliari.

Le donne accusate hanno un’età compresa tra i 50 e i 65 anni. Secondo gli accertamenti dei carabinieri, avvenuti con riprese video ed intercettazioni ambientali, le quattro avrebbero insultato, strattonato, umiliato e colpito alla testa i piccoli.

Le indagini

Le indagini sono partite grazie alle denuncie di alcuni genitori, che avevano rilevato sui corpi dei propri figli alcuni lividi non imputabili a possibili litigi tra i piccoli stessi. I carabinieri hanno così provveduto ad effettuare intercettazioni ambientali, oltre a posizionare telecamere nascoste nell’asilo che hanno rivelato l’incubo peggiore dei genitori, ovvero dei maltrattamenti su minori, effettuati con azione quotidiane: umiliazioni verbali e fisiche, che provocavano nei piccoli disagi e sofferenze.

Il giudice per le indagini preliminari ha firmato l’ordine di custodia cautelare nei confronti delle quattro donne, che al momento si trovano agli arresti domiciliari, e sono ritenute “colpevoli” di sopraffazione sistematica attuate durante l’attività lavorativa nei confronti dei bambini dai 3 ai 5 anni, frequentanti l’asilo di Ariccia.

Codacons: “Serve sorveglianza”

La necessità di introdurre delle telecamere di sorveglianza nelle scuole elementari e negli asili nido arriva anche da Codacons, infatti Carlo Rienzi ha dichiarato: “è necessario per controllare l’operato del personale scolastico ed evitare abusi e violenze che possono avere conseguenze anche gravi sui minori“.

Sulla questione si è espressa anche Annagrazia Calabria, deputata di Forza Italia, che ritiene fondamentale il ruolo delle riprese video in strutture come asili, ospizi, associazioni. “Con la legge a mia prima firma, che è già stata approvata alla Camera a larghissima maggioranza, vogliamo offrire alle Forze dell’Ordine uno strumento in più per individuare e punire condotte così orribili, puntando al tempo stesso sulla prevenzione e sulla formazione”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Ciro D'agostino

Ciro D'agostino - È sempre sconcertante credere che delle persone al quali si affidano i propri figli riescano a compiere questi gesti orribili. Tali notizie inoltre sembrano emergere con molta più frequenza: è quindi necessario arginare il fenomeno con tutti i mezzi possibili. Al governo è ormai aperta da tempo l'ipotesi di inserire delle telecamere di sorveglianza, ma la situazione sembra non sbloccarsi mai.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!