Iscriviti
Roma

Roma: rilevato un caso di peste suina africana

È ufficiale, l'allarme è stato lanciato dall'agenzia Ansa su Twitter in un comunicato dove lo rende noto il commissario straordinario per l'emergenza Angelo Ferrari.

Cronaca
Pubblicato il 5 maggio 2022, alle ore 22:59

Mi piace
3
0
Roma: rilevato un caso di peste suina africana

Ascolta questo articolo

Tra gli ungulati che abitano il parco dell’Insugherata a Roma, in zona nord ovest della capitale, è stato rilevato un caso di peste suina africana, malattia virale che colpisce maiali e cinghiali. Ora è emergenza, in quanto nel Lazio ci sono circa ventimila cinghiali; a diramare l’allerta è stato l’Istituto zooprofilattico Umbria e Marche.

La malattia non è trasmissibile all’uomo, vengono contagiati solo gli animali, ma la mortalità tra di loro è molto alta, serve un’azione di contenimento del contagio e bisogna provvedere al più presto, perchè la popolazione dei cinghiali che è arrivata nelle nostre città e invaso le campagne mette a rischio gli allevatori.

Il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini. afferma: “Siamo infatti costretti ad affrontare una grave emergenza sanitaria perché – precisa Prandini – è mancata l’azione di prevenzione come abbiamo ripetutamente denunciato in piazza e nelle sedi istituzionali”. La Regione metterà a disposizione da domani il numero verde della Protezione civile regionale (803555) per segnalare eventuali ritrovamenti di animali morti e attivare immediatamente i servizi veterinari.

Su Twitter rimbalzano le notizie, avviate anche le procedure di notifica europea. Oggi è convocata la riunione del gruppo di esperti che lavora sulla Psa, che si riunisce periodicamente per analizzare i casi, come in Piemonte e Liguria (le zone finora colpite, nelle province di Genova e Alessandria) ed è stato attivato il monitoraggio sulla zona per delimitare i confini dell’area interessata.

Sono state richieste più volte attività venatorie nelle aree protette; è stato deciso inoltre di individuare, sulla base delle carcasse rinvenute – al momento una sola – l’area da perimetrare e consentire gli interventi che il commissario nazionale adotterà. Al fine di evitare allarmismi tra la popolazione domani verrà effettuato un sopralluogo dell’area. “Ad oggi i casi individuati di positività riguardano solo cinghiali – spiega la Coldiretti nessun maiale è stato contagiato in Italia dalla peste suina africana”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Martina Capit

Martina Capit - Questi poveri animali ne stanno passando di tutti i colori, prima i cigni al parco con l'aviaria, ora i cinghiali; il governo dovrebbe provvedere con una campagna di intervento immediata al fine di prevenire altri contagi, non si può più andare avanti così anche perchè gli ungulati camminano indisturbati nella nostra città.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!