Iscriviti
Roma

Roma, multe cancellate ad amici e parenti: 197 indagati tra cui il patron della Lazio, Claudio Lotito

Prosegue l'inchiesta denominata "Multopoli" che negli anni scorsi aveva fatto emergere brogli e truffe messe in atto dal dipartimento di Risorse economiche di Roma e dall’Ufficio contravvenzioni di via Ostiense. Tra i 197 indagati, anche dirigenti e funzionari.

Cronaca
Pubblicato il 28 gennaio 2019, alle ore 17:43

Mi piace
8
0
Roma, multe cancellate ad amici e parenti: 197 indagati tra cui il patron della Lazio, Claudio Lotito

Sono ben 197 gli indagati nell’inchiesta “multopoli, che ha come protagonisti dirigenti, funzionari, e l’ex direttore Pasquale Libero Pelusi del dipartimento di Risorse economiche di Roma, nonché l’Ufficio contravvenzioni di via Ostiense, accusati di truffa e falso. I finanzieri del comando provinciale di Roma hanno sequestrato più di un milione di euro

Tra i beneficiari dei trattamenti di favore, come la cancellazione di alcune multe, figura anche il patron della Lazio, Claudio Lotito. Al patron sarebbero stati sequestrati qualcosa come 26 mila euro per multe evase, e disposto un sequestro preventivo riguardante anche la società di autonoleggio di proprietà, per circa 800 mila euro. I fatti risalgono al periodo che va dal 2012 al 2014

Grazie ad escamotage e raggiri, i funzionari del dipartimento  risorse economiche e dell’ufficio contravvenzioni di via Ostiense avrebbero cancellato migliaia di contravvenzioni a parenti ed amici. Uno dei sotterfugi utilizzati per annullare la contravvenzione sarebbe stato il far passare per veicoli di scorta auto utilizzate invece per uso privato.

Gli indagati, oltre che l’ex direttore del dipartimento risorse economiche di Roma, Pasquale Libero Pelusi, sono Patrizia Del Vecchio, Laura Cirelli e Maria Rita Rongoni. Tutta l’inchiesta è partita dalla denuncia/segnalazione di una dipendente del Comune di Roma, che ha notato anomalie e mancanze relative alle sanzioni amministrative e alle istruttorie sulle violazioni del codice della strada.

In particolare, dal 2008 al 2014, sono state cancellate illegalemente circa 14 mila le posizioni “debitorie”, per un totale di circa 16 milioni di euro. Tutta l’inchiesta verrà portata anche dinanzi alla Corte dei Conti, che si occuperà di rilevare tutte le responsabilità dei funzionari che hanno agito illegalmente causando anche un ingente danno erariale allo Stato.

Questa inchiesta, partita anni fa, ha nuovamente aperto l’ennesimo vaso di Pandora dell’illegalità che vede come protagonisti soggetti che al contrario dovrebbero far rispettare la legge ed invece sono i primi ad infrangerla. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Ennesimo scandalo tutto all'italiana. Funzionari corrotti che agevolano amici e parenti, e che invece di applicare la legge, la infrangono. Soggetti al potere che lo utilizzano per tornaconti personali e per agevolare altri soggetti. Insomma, una storia vecchia quanto il mondo. In Italia, questo fenomeno è in forte crescita e pian piano i vari altarini stanno venendo fuori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!