Iscriviti

Roma, cuce la bocca alla compagna e le spacca la faccia: 39enne condannato a 3 anni

Un racconto agghiacciante quello di una donna che nel 2019 ha denunciato l'ex dopo 18 anni di torture. Una volta, per scappare dall'uomo, si è lanciata dal balcone di casa, facendo un volo di 7 metri e spezzandosi una gamba.

Cronaca
Pubblicato il 2 novembre 2021, alle ore 09:02

Mi piace
0
0
Roma, cuce la bocca alla compagna e le spacca la faccia: 39enne condannato a 3 anni

Una storia davvero terribile, quella che sto per raccontarvi. E’ la storia raccontata da Tuscia Web, di una donna, costretta a subire le peggiori angherie che si possano immaginare dal compagno, un 39enne condannato in via definitiva a 3 anni di carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate.

Il racconto fatto dalla vittima ai giudici è davvero agghiacciante. Picchiata tutti i giorni, ustionata col ferro da stiro, chiusa per giorni nel contenitore del letto e torturata, costretta a bere una pentola di sugo di carne da colui che avrebbe dovuto essere il suo compagno e padre dei suoi figli.

Le sconvolgenti parole della donna

Una volta, il compagno le ha addirittura cucito la bocca per non farla parlare, infilzandole delle spille da balia a croce sulle labbra. Le testuali parole della donna: “Una volta mi portò dentro casa e mi disse ‘ecco cosa succede a chi parla troppo’, infilzandole a croce delle spille da balia sulle labbra, portandola come un trofeo da sua madre, che gliele tolse.

Queste angherie e umiliazioni sono andate avanti per 18 lunghi anni e adesso hanno avuto,finalmente, una fine. L’uomo è stato arrestato nel 2019 in seguito alla denuncia della donna. Dopo 1 anno nel carcere di Mammagialla, è stato trasferito agli arresti domiciliari. In primo grado era stato condannato a 4 anni di reclusione, diventati 3 in via definitiva perchè assolto dall’accusa di sequestro di persona.

Nel processo la donna ha mostrato i vari referti medici dell’ospedale, a dimostrazione dlele violenze subite… violenze che aveva cercato spesso di nascondere, dicendo di essere caduta dalla scale o dal motorino. Una volta, per scappare dall’uomo, si è persino lanciata dal balcone di casa, facendo un volo di 7 metri e spezzandosi una gamba. Il racconto prosegue: “Visto che non potevo scappare, ni sono nascosta sotto una macchina fino alle 5 del mattino, quando mi sono trascinata davanti al portone di un vicino che sapevo uscire presto per andare a lavoro”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una donna martoriata nel corpo e nell'anima per 18 lunghi anni dall'uomo che doveva amarla, padre dei suoi figli. Anni di angherie, conclusi con la denuncia. Ma, mi chiedo, come possa questo "mostro" aver ricevuto solo 3 anni di carcere per ciò che ha commesso? Dov'è finita la giustizia? Qual è la tutela che le ha accordato a questa vittima di violenza? Sono davvero senza parole.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!