Iscriviti

Rimini, 30enne violentata la notte di Ferragosto: denunciato il suo stupratore

La notte di Ferragosto, una 30enne è stata stuprata sulla spiaggia della darsena a Rimini, da un 33enne. La vittima, che è stata ritrovata alle prime luci dell'alba da tre pescatori, e ha sporto denuncia ai carabinieri.

Cronaca
Pubblicato il 18 agosto 2020, alle ore 13:56

Mi piace
4
0
Rimini, 30enne violentata la notte di Ferragosto: denunciato il suo stupratore

Indubbiamente, una delle piaghe della società in cui viviamo è la violenza sulle donne. L’ultimo caso accertato risale alla notte tra il 15 e 16 agosto, quando una 30enne è stata stuprata da un uomo di 33 anni che aveva conosciuto sui social network. Il fatto è accaduto su una spiaggia della darsena a Rimini, dove la giovane donna ha trascorso una notte da incubo.

La vittima, residente proprio a Rimini, nella notte di Ferragosto ha vissuto un vero e proprio momento che con ogni probabilità segnerà per sempre la sua vita. A trovare la ragazza in stato confusionale, sono stati tre pescatori intorno alle 4.30 del mattino. Gli uomini hanno soccorso la vittima e subito avvisato i suoi genitori. La ragazza è stata accompagnata in ospedale e ha poi sporto denuncia ai carabinieri.

Dal racconto fatto alle forze dell’ordine, la vittima ha conosciuto il suo stupratore circa un anno fa sui social e, dopo qualche messaggio iniziale, tutto si era arenato. Solo qualche giorno prima di Ferragosto, i due avevano riallacciato i rapporti, con l’uomo che aveva invitato la donna ad una cena in un ristorante di Rimini, nella serata del 15 agosto. 

Solo allora si sono conosciuti di persona. Lo stupratore, avrebbe fatto bere la vittima durante la cena e, una volta consumato il pasto, i due si sarebbero diretti verso la darsena. Stando al racconto della vittima, l’uomo approfittando del suo stato di ubriachezza avrebbe costretto la donna dapprima ad un rapporto orale e poi ad un rapporto sessuale completo.

La ragazza ha ammesso di ricordare poco a causa del troppo alcool ingerito. Ricordi annebbiati nella memoria della 30enne, che si sarebbe trovata sporca di sabbia e con dei forti dolori alle parti intime, mentre il 33enne le intimava di vestirsi in quanto dovevano andar via. La vittima avrebbe tentato di raggiungerlo, salvo poi ritrovarsi da sola, in stato confusionale e ritrovata dai pescatori.

Con l’ausilio del padre, la ragazza ha ritrovato la sua auto e, condotta in ospedale. ha poi deciso di sporgere denuncia. I carabinieri di Rimini hanno avviato le indagini e sono sulle tracce dell’uomo. Mentre le forze dell’ordine fanno chiarezza sulla vicenda, ad indirizzo della giovane è stato avviato il regolare protocollo ospedaliero in caso di violenza subita. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tonia Sarracino

Tonia Sarracino - Situazioni come questa non dovrebbero mai verificarsi, ma purtroppo in Italia la questione è alquanto diffusa. Si tratta di una delle piaghe del nostro paese, nonché una delle pagine di cronaca nera più diffuse. Spero che la ragazza coinvolta si riprenda quanto prima, anche se non sarà sicuramente facile, e che l'uomo paghi per quello che ha fatto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!