Iscriviti

Reggio Emilia, si candida alle elezioni del consiglio comunale a 94 anni

La protagonista di questa storia è una nonnina di 94 anni che, a dispetto della sua età, ha ancora tanto da dire e da fare. Infatti alla sua veneranda età si è candidata come consigliera a Reggio Emilia.

Cronaca
Pubblicato il 12 aprile 2019, alle ore 17:52

Mi piace
8
0
Reggio Emilia, si candida alle elezioni del consiglio comunale a 94 anni

È stata una delle prime donne a votare il 2 giugno del 1946. La sua è una storia di tenacia e forza, degna di essere raccontata e di essere mostrata alle nuove generazioni come esempio civico da seguire. Il nome di questa arzilla 94enne è Maria Teresa Branduzzi, laureata in ingegneria civile. Ha insegnato matematica e costruzione ed ha vissuto una vita intensa in giro per il mondo, da Londra alla California. 

Dal 2002 vive stabilmente a Reggio Emilia. La donna ha deciso di candidarsi al consiglio comunale supportando il sindaco candidato, Luca Vecchi, della lista civica “Reggio è“, alle prossime elezioni amministrative del 26 maggio 2019. In questa lista lei è la più anziana mentre, agli antipodi anagrafici, vi è la giovane diciottenne Diarra Diouf.

Il programma politico che la sig.ra Branduzzi appoggia propone la gratuità del sistema educativo fino a tre anni, inoltre prevede la revisione delle politiche sulla casa e proposte su lavoro e ambiente, nonché il rilancio e il rafforzamento della cultura con un impegno più stringente sul profilo della legalità.

 Molti aspiranti consiglieri provengono dal mondo del lavoro e del sociale. Qualcuna, che arriva dagli ambienti tradizionali della sinistra e del sindacato, ha già alle spalle esperienze amministrative. Per la maggior parte, quella di maggio sarà la prima esperienza elettorale. L’obiettivo della coalizione civica “è diventare un soggetto decisivo nel centro sinistra reggiano

La Branduzzi invece non è nuova alla militanza politica. Infatti, nel 1965 stata eletta al parlamento sardo come indipendente con il PCI. A Verona è stata cofondatrice di Cgil Scuola. Per lei dunque, non si tratta della prima esperienza politica, bensì, di una nuova esperienza avvallata da tutto il sapere acquisito nel corso della sua vita professionale e personale. Il contributo di Maria Teresa, certamente, garantirà alla lista una marcia in più grazie alle sue competenze ed alla sua saggezza.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Beatrice Cinnirella

Beatrice Cinnirella - Certamente una donna grintosa e piena di vita la signora Maria Teresa. Il suo carisma e la sua forza costituiranno il punto di forza della lista che appoggia. Esempi di donne così dovrebbero essercene molti di più anche tra le nuove generazioni. Un modello da emulare e seguire in tutto e per tutto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!