Iscriviti

Ragazzo picchiato dai leghisti e deriso da Matteo Salvini: "Lasciatelo da solo poverino, un applauso al comunista"

Durante il comizio di Matteo Salvini a Cremona, un ragazzo è stato prima malmenato da alcuni leghisti a causa di una sciarpa e poi deriso dal ministro degli interni.

Cronaca
Pubblicato il 10 giugno 2019, alle ore 17:07

Mi piace
6
0
Ragazzo picchiato dai leghisti e deriso da Matteo Salvini: "Lasciatelo da solo poverino, un applauso al comunista"

In queste ore sta facendo discutere molto un video con protagonista il vicepresidente del Consiglio e ministro dell’interno Matteo Salvini. Nei giorni scorsi, il leader della Lega si trovava a Cremona con l’obiettivo di sostenere il candidato sindaco Valerio Malvezzi. Quest’ultimo tuttavia non è riuscito a ribaltare il risultato contro Gianluca Galimberti del Partito Democratico.

Nel video si può vedere che un ragazzo, presente a Piazza Roma di Cremona dove si stava svolgendo il comizio elettorale, ha esposto una sciarpa con su scritto “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Inizialmente i leghisti hanno provato, con parole dure, ad invitare il ragazzo ad abbassare la scritta.

Successivamente è stato circondato da queste persone che gli hanno tolto con la forza la sciarpa che teneva tra le mani. Il ragazzo non è riuscito a reagire ed ha cercato soltanto di difendersi dal pestaggio. Solamente le forze dell’ordine, accorse nel luogo in un secondo momento, sono riuscite a salvare il giovane.

La reazione di Matteo Salvini e l’hashtag “#SalviniDimettiti”

Il ministro dell’interno ha cercato di ironizzare su ciò che stava succedendo sotto al palco di Cremona: “Lasciatelo da solo poverino, dai. Un applauso a un comunista, perché se non c’é un comunista ai giardinetti noi non ci divertiamo. Mi fanno simpatia quelli che nel 2019 vanno ancora in giro con la bandiera rossa e la falce e il martello”.

Sul web però si è scatenato il putiferio. Si trova ormai in tendenza da ore l’hashtag #SalviniDimettiti ed anche Giuseppe Civati,  fondatore e primo segretario del partito “Possibile”, ha voluto attaccare Matteo Salvini su Twitter: “Mentre un ragazzo, per aver sollevato una sciarpa bianca con scritto #amailprossimotuo, viene preso a calci e pugni dai sostenitori di Salvini; il ministro dell’Interno, dal palco, gli dà del comunista e lo dileggia. Salvini infanga le istituzioni e la Costituzione. Si dimetta”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Situazione imbarazzante, ed ogni commento è fin troppo superfluo. Non credo alla scusa "dal palco non avevo capito", poiché la situazione era chiara a tutti. La derisione di Matteo Salvini nei confronti di questo ragazzo, che stava solamente mostrando il suo dissenso pacificamente, fa capire in che guaio ci troviamo. Tuttavia, da italiani normali, lo capiremo solamente tra qualche anno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!