Iscriviti
Milano

Ragazzo di soli 13 anni salva la vita al padre

Si calcola che ogni anno in Italia 60 mila persone siano colpite da un arresto cardiaco, come successo a Marco che è stato salvato dalla prontezza e dal coraggio di suo figlio tredicenne.

Cronaca
Pubblicato il 14 ottobre 2021, alle ore 14:28

Mi piace
0
0
Ragazzo di soli 13 anni salva la vita al padre

Il 23 novembre del 2019 Matteo di 13 anni compie un gesto che lo segnerà per tutta la vita: ha salvato la vita di suo padre praticando un massaggio cardiaco. Ha seguito alla lettera le istruzioni che un’operatrice del 112 gli dettava al telefono; Matteo ha un ricordo confuso della notte, ricorda che sudava per l’agitazione e gli facevano male le braccia mentre praticava il massaggio cardiaco provando a salvare il padre. Istanti convulsi e coinvolgenti, il ragazzo ricorda che “intanto mi passava davanti agli occhi la vita con lui”.

Semplice eppure così dannatamente fondamentale quel massaggio cardiaco: una mano sopra l’altra e poi spingere, spingere al posto del cuore che si è arrestato. Marco Maestrini, 52 anni, il papà di Matteo si è appena sentito male e Matteo dopo cena notando che il padre stava poco bene (aveva anche vomitato) si è seduto sul divano per tenerlo sotto controllo e non è andato in camera sua a giocare.

Il padre perde conoscenza ed inizia a gemere ed il figlio appena tredicenne capisce che la situazione è grave, chiama il 112 e l’operatore, constatando che si trattava di arresto cardiaco, inizia a dare a Matteo istruzioni precise e dettagliate, lo sprono a non arrendersi, a continuare il massaggio cardiaco fino all’arrivo dell’ambulanza che trasporterà il padre in ospedale dove rimarrà ricoverato per 2 mesi. Matteo non aveva mai seguito un corso, aveva visto praticare il massaggio in televisione in qualche serie tv.

Una brutta esperienza con il lieto fine: ora Marco si è ripreso e ringrazierà sempre quel figlio che con coraggio e determinazione gli ha salvato la vita. È necessario far conoscere il più possibile le manovre salvavita. Dovrebbero proporre corsi a scuola.

Chiunque dovrebbe essere in grado di praticare un massaggio cardiaco in una circostanza di emergenza. È lo stesso messaggio lanciato dall’Italian Resuscitation Council con “Viva!”, la campagna di sensibilizzazione sulla rianimazione cardiopolmonare, in programma dall’11 al 17 ottobre.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giuseppe Costantino

Giuseppe Costantino - Il coraggio di questo ragazzo poco più che bambino è encomiabile: ha salvato la vita del padre. Penso che il massaggio cardiaco dovrebbe essere insegnato a scuola, come elemento essenziale che ogni studente, a prescindere dal corso di studio, debba conoscere per essere in grado un giorno di salvare una vita umana.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!