Iscriviti

Raccolta fondi: Diamo il meglio a Giovanni, perché cammini

Dopo due anni di gessi, tutori e anche un intervento la mamma ha lanciato una raccolta fondi su GoFundMe per portare Giovanni, 22 mesi, in America. Qui lo specialista Paley potrebbe farlo camminare

Cronaca
Pubblicato il 3 ottobre 2018, alle ore 06:14

Mi piace
9
0
Raccolta fondi: Diamo il meglio a Giovanni, perché cammini

La raccolta fondi “Diamo il meglio a Giovanni” è stata avviata dalla mamma di Giovanni, un bambino di appena 22 mesi, affetto da emimelia, una malformazione molto rara. Chi ne è colpito si ritrova con l’assenza totale o parziale della tibia. La malformazione può essere unilaterale, un caso su un milione, o bilaterale, uno su 3milioni. Giovanni è stato colpito alla gamba destra.

Erika Molinarolo, la mamma del piccolo, attraverso Facebook ha chiesto la solidarietà di amici e conoscenti con una campagna online su GoFundMe per poter far operare Giovanni in America.

La storia di Giovanni

Il problema del piccolo Giovanni è stato evidente fin dalla nascita tanto che i genitori – residenti a Piazzola sul Brenta in provincia di Padova – hanno cominciato da subito a portarlo ogni settimana all’ospedale Gaslini di Genova. Qui i medici con apparecchi gessati e tutori hanno cercato di portare la gamba nella giusta posizione e allo stesso tempo di tenere sotto controllo la muscolatura, in attesa di un più grande intervento.

A marzo, Giovanni ha subito un primo intervento, durato 4 ore e mezzo. La mamma ha raccontato che i medici dell’ospedale genovese “hanno cercato di allineare la gamba destra e tibializzare il perone”. E dopo alcuni mesi di fisioterapia il piccolo ha cominciato a muovere i primi passi senza supporti.

La famiglia ha affrontato con coraggio la situazione del piccolo Giovanni, ma il piccolo ora ha bisogno di un intervento in America. Qui un medico specialista Paley, potrebbe allungargli il perone in modo da farlo pareggiare con quello sinistro e realizzare in 3D una tibia artificiale. L’intervento è necessario, ma molto costoso, ha spiegato la mamma, potrebbe richiedere tra i 100 mila e i 250 mila euro

Da qui l’idea di far un regalo a Giovanni per il 3 novembre, giorno del suo secondo compleanno: una maratona di solidarietà dal tema “Diamo il meglio a Giovanni“. La capacità divulgativa dei social potrebbe dare al Giovanni la gioia di camminare. Mamma Erika ci prova: “Vorrei provare, assieme a tutti voi, a realizzare questo per mio figlio“, senza dimenticare gli altri bambini, Erika conclude “e per aiutare tutti quei bambini affetti dalla stessa patologia di Giovanni“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - La raccolta è cominciata, una maratona di solidarietà che porterà Giovanni a camminare, questa è la speranza di tutti. Quando il "caso" è ben spiegato e motivato la forma del GoFundMe riesce a raggiungere lo scopo. Bastano piccole gocce, ma se sono tante formano un mare. Auguri al piccolo Giovanni e alla sua famiglia!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!