Iscriviti

Positiva al Coronavirus prende un autobus: 40 passeggeri in quarantena fiduciaria

L' episodio è accaduto sabato 19 dicembre a Villa Castelli, in provincia di Brindisi. La donna, di origine nigeriana, era diretta nel comune capoluogo. Ad avvisare i carabinieri i responsabili della struttura dove la signora era ospitata.

Cronaca
Pubblicato il 20 dicembre 2020, alle ore 18:35

Mi piace
0
0
Positiva al Coronavirus prende un autobus: 40 passeggeri in quarantena fiduciaria

Si sono vissuti momenti di apprensione nella giornata di ieri 19 dicembre a Villa Castelli, piccola cittadina dell’hinterland della provincia di Brindisi. Infatti, secondo quanto riferiscono i media locali, una 40enne originaria della Nigeria ha lasciato la comunità, e dopo aver preso un autobus si stava dirigendo nel comune capoluogo. Lei era però sottoposta al protocollo di vigilanza da parte della Asl di Brindisi, in quanto negli scorsi giorni era stata trovata positiva al coronavirus Sars-CoV-2: non si poteva quindi muovere dalla struttura. Fortunatamente della sua “fuga” si sono accorti i responsabili della comunità, che hanno comunicato subito quanto accaduto ai carabinieri della locale stazione.

I militati dell’Arma di Villa Castelli hanno quindi proceduto a chiamare i colleghi della stazione di Oria, prima tappa dell’autobus subito dopo la partenza da Villa Castelli. All’ingresso della città federiciana il mezzo pubblico è stato fermato dai carabinieri, che hanno fatto scendere tutti i passeggeri, identificandoli uno ad uno. Tra i presenti c’era appunto anche la donna straniera che è stata colta in flagranza di reato.

Denunciata per epidemia colposa

Una volta identificata agli uomini in divisa non è restato altro da fare che denunciare la signora per il reato di epidemia colposa. Subito dopo è stata fatta rientrare presso la comunità con l’intimazione a non muoversi dal suo domicilio per nessuna ragione. Tutti i passeggeri e anche l’autista, dopo essere stati identificati, hanno ricevuto il provvedimento di isolamento fiduciario da parte dell’Asl e adesso sono in attesa di un tampone.

Si tratta di una procedura necessaria, in quanto gli stessi hanno viaggiato per diverso tempo con la donna che era risultata positiva al coronavirus. Tra i presenti c’è stato tanto spavento, anche se gli inquirenti affermano che a bordo del mezzo erano state rispettate tutte le distanze di sicurezza e le norme anti contagio. I viaggiatori, che erano circa 40, oltre tenere la distanza interpersonale di almeno un metro, indossavano tutti la mascherina così come stabilito dai protocolli sanitari.

La notizia di quanto accaduto ha fatto immediatamente il giro della cittadina di Villa Castelli, destando apprensione tra gli abitanti. Si tratta del terzo episodio del genere che accade in questa settimana in provincia di Brindisi, dopo quelli a Oria e Tuturano, dove anche qui delle persone positive al virus hanno violato la quarantena andandosene in giro per il paese. Le forze dell’ordine continueranno a monitorare il territorio al fine di evitare episodi pericolosi come questo, soprattutto durante queste festività di Natale e Capodanno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Gesto davvero irresponsabile quello compiuto da questa signora, che ha messo a serio rischio la salute dei passeggeri presenti a bordo dell'autobus. In questo periodo tutti dobbiamo rispettare le regole anti contagio, ma chi è positivo deve capire che non si può muovere da casa per nessuna ragione al mondo. Oltre alla denuncia penale, facendo così si rischia anche l'arresto da 3 a 18 mesi e un'ammenda che può arrivare anche a 5.000 euro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!