Iscriviti

Pordenone: giovane si vendica per le ‘presunte’ molestie subite anni prima

Le indagini sono ancora in corso, un giovane 23enne si è vendicato accoltellando il pedofilo, un medico di 48 anni, che anni prima pare avesse abusato di lui.

Cronaca
Pubblicato il 14 novembre 2017, alle ore 10:20

Mi piace
9
0
Pordenone: giovane si vendica per le ‘presunte’ molestie subite anni prima
Pubblicità

La vittima, un giovane che alcuni anni prima aveva subito alcuni episodi di pedofilia, si è trasformata in colpevole. Era ancora minorenne allora, ma la memoria non ha cancellato il male interiore che quegli atti gli avevano procurato, così, nella notte tra domenica e lunedì, poco dopo mezzanotte, si è vendicato sul presunto ‘orco’. Il fatto è accaduto a San Vito al Tagliamento (Pordenone).

L’uomo ferito, 48 anni, è un medico che in passato era stato allenatore di una squadra di calcio giovanile. L’uomo, a quel tempo, ospitava il ragazzo, rapporto interrotto quando la madre lo accusò di molestie sessuali nei confronti del figlio. Accoltellato dal giovane, ora 23 enne, in casa sua, prima di perdere conoscenza ha indicato al personale venuto in suo soccorso, sanitari e Carabinieri, l’identità dell’aggressore, che conosceva da tempo. Il medico ora è ricoverato in ospedale a San Vito al Tagliamento la sua prognosi è riservata.

I Carabinieri della Compagnia di Pordenone hanno subito concentrato le ricerche sui luoghi di vita del giovane che poco dopo l’aggressione, si è recato spontaneamente in caserma e si è costituito.

L’indagine per pedofilia sul professionista erano state subito avviate e avevano costretto il medico accusato agli arresti domiciliari. Da parte sua il medico, anche durante il processo, ha sempre negato ogni accusa, ma analizzati i suoi computer, quello di casa e quello dello studio medico, sono state trovate alcune immagini pedopornografiche. Il medico continua a negare anche la paternità delle foto. Le indagini continuano comunque, ad occuparsene è la Direzione distrettuale antimafia, che ha il compito specifico di indagare sull’adescamento di minori via internet.

Le condizioni del medico aggredito, ricoverato d’urgenza nell’ospedale di San Vito al Tagliamento, nel reparto Terapia intensiva, sono piuttosto critiche, per ora non è possibile trasferirlo in una struttura più attrezzata. È già stato sottoposto a un primo intervento chirurgico di urgenza per tamponare una vasta emorragia, a cui è seguito un secondo intervento, grazie al quale, come hanno riferito i medici, il quadro clinico sembra si sia stabilizzato, ma la prognosi è riservata.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Solo il giovane può sapere la rabbia che si è portato dentro in questi anni, solo lui sa quali ferite interiori sono state aperte e fatte sanguinare forse per sempre. Posso solo immaginare queste ferite: il pudore, di cui oggi si parla poco, quindi la vergogna che lo accompagna, la fiducia riposta in un adulto e il suo tradimento, quindi la fatica a fidarsi degli altri e il vivere in un clima interiore di angoscia e solitudine, di sospetto e di timore... e se non fosse vero? Se tutto fosse frutto di fantasie e di letture distorte della realtà...? Probabilmente la cosa migliore è lasciare che le indagini facciano il loro percorso sui due uomini, due persone, forse vittime e colpevoli insieme.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!