Iscriviti
Napoli

Poggioreale, detenuto accusato di omicidio evade dal carcere: prima volta dopo 100 anni

Un detenuto polacco, accusato di omicidio e arrestato nel dicembre 2018, è evaso nella mattinata di ieri dal carcere di Poggioreale: il ricercato ha usato una corda per scavalcare il muro.

Cronaca
Pubblicato il 26 agosto 2019, alle ore 09:11

Mi piace
4
0
Poggioreale, detenuto accusato di omicidio evade dal carcere: prima volta dopo 100 anni

Ha funzionato tutto alla perfezione?“, questa è la domanda che si pone all’Ansa il garante campano dei detenuti, Samuele Ciambriello, dopo la notizia resa pubblica dell’evasione di un detenuto nella mattinata di ieri dal carcere di Poggioreale. Il ricercato si chiama Robert Lisowski, ha 32 anni ed è di origine polacca, e la Questura di Napoli afferma che si tratta di un individuo da considerare pericoloso e per questo chiede la massima attenzione e collaborazione di tutti.

Samuele Ciambrello afferma che, così come in altri istituti detentivi, anche nel carcere di Poggioreale è presente un sistema di monitoraggio con videosorveglianza all’interno e all’esterno della struttura, oltre alla ronda intorno alle mura del carcere della polizia penitenziaria. Stando a quanto afferma il garante campano dei detenuti, questa evasione dovrebbe far notare in modo ancora più chiaro la necessità di avere un numero maggiore di agenti di polizia penitenziaria all’interno del carcere e di una rimotivazione degli stessi operatori che sono spesso molto anziani e stanchi di compiere un lavoro tanto pesante in cui vengono lasciati da soli.

Come affermato in precedenza, la struttura è ampiamente sorvegliata, eppure il detenuto è riuscito a fuggire dal carcere con l’utilizzo di una corda. Lisowki ha infatti scavalcato il muro di cinta dal lato di via Francesco Lauria ed è così fuggito indisturbato. 

La polizia ha reso note le caratteristiche principali dell’evaso, sperando in un aiuto da parte di tutti i cittadini. Alto 1,80 metri circa, Robert Lisowki ha una corporatura magra ed è di carnagione chiara. Al momento dell’evasione, aveva i capelli radi castano chiaro e la barba. Un’altra caratteristica importante è l’andatura del ricercato, che sembrerebbe essere zoppicante.

Arrestato per omicidio

A far parlare molto questa notizia non è solo la prima evasione riuscita a distanza di 100 anni, ma anche la pericolosità del soggetto che è riuscito ad uscire dal carcere. Liwoski infatti è stato arrestato il 5 dicembre scorso per omicidio aggravato, dopo che il 1° dicembre è stato trovato privo di vita un muratore ucraino di 36 anni con evidenti segni di coltellate alla gola e al torace.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Un'evasione senza dubbio molto pericolosa e preoccupante. È vero quello che dice il garante campano dei detenuti: nelle carceri italiane c'è bisogno di maggiori agenti e di maggiore controllo. I numerosi casi di suicidio da parte di questi operatori avrebbero dovuto già far aprire gli occhi chi di dovere per dar loro un aiuto ed un sostegno maggiore.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!