Iscriviti

Pistoia, muore in ospedale contagiata dal Covid: il figlio disperato sui social

La vittima è una anziana di 90 anni deceduta in ospedale a Pistoia dopo essere stata trovata positiva al Covid-19. Nel nosocomio una infermiera non era stata ancora vaccinata, l'appello del figlio della signora a vaccinarsi contro il Sars-CoV-2.

Cronaca
Pubblicato il 13 settembre 2021, alle ore 10:20

Mi piace
0
0
Pistoia, muore in ospedale contagiata dal Covid: il figlio disperato sui social

Era stata ricoverata in ospedale a Pistoia per poter effettuare un delicato intervento chirurgico, quello alla frattura di un femore, ma una signora di 90 anni è deceduta dopo aver contratto il Covid-19 nella stessa struttura ospedaliera. Non si sa precisamente da chi sia partito il contagio, anche se i media nazionali fanno sapere che nel nosocomio, almeno fino alla metà di agosto scorso, c’era una infermiera che non era stata ancora vaccinata contro il Covid-19. 

Quest’ultima avrebbe contratto il Covid-19. La 90enne fu ricoverata proprio in quel periodo e qualche giorno addietro è deceduta a causa delle complicazioni prodotte da una polmonite causata dal coronavirus Sars-CoV-2. “Ci avevano avvertito che sarebbe stato un intervento a elevatissimo rischio, lei lo sapeva e aveva accettato. Ma l’intervento era stato superato, la mamma non ha avuto danni, il decorso era normale. Quello che ha aggravato fino all’estremo è stata la polmonite da Covid, come mi hanno detto i medici” – così spiega adesso il figlio della signora, che rivolge a tutti un accortato appello: quello a vaccinarsi. 

Il figlio:”basta dire che i vaccini non servono”

Come già detto la signora era completamente vaccinata, come tantissimi anziani nel nostro Paese. “La mia vecchina era stata contagiata proprio in ospedale, dove invece doveva essere protetta” – così ha scritto il figlio in un post su Facebook, che si dice quindi molto dispiaciuto per quanto avvenuto a sua mamma. 

Quando l’uomo ha incontrato per l’ultima volta sua madre era una domenica: quella stessa sera la donna è spirata. Non appena lo vide ebbe comunque la forza di sussurare un flebile “ciao”. A chiamarlo per recarsi in ospedale per una visita alla madre erano stati gli stessi medici dell’ospedale. Il figlio della donna ha riferito che “non è mai un buon segno” quando i medici chiamano di domenica. 

“Il virus non esiste, non fa nulla, non è un’opinione: è falso. Il vaccino non serve ed è pericoloso non è un’opinione: è falso” – così ha detto il figlio della signora concludendo il suo post su Facebook. Le sue parole sono diventate virali e si spera possano spronare tanti indecisi a sottoporsi alla vaccinazione anti Covid. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Federico Sanapo

Federico Sanapo - Queste notizie devono farci riflettere su quanto sia importante vaccinarsi contro il coronavirus Sars-CoV-2. I sanitari dovrebbero essere i primi a sottoporsi alla vaccinazione e si stenta a credere che proprio tra le loro fila ci siano delle persone indecise o addirittura no-vax. In tutta Italia sono moltissimi gli infermieri che sono stati licenziati per questo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!