Iscriviti

Piromane 74enne incastrato dalle telecamere: aveva lanciato della carta in fiamme dall’auto

Un anziano signore di Andria è stato scoperto mentre appiccava un incendio nelle campagne di Molfetta. Grazie alle telecamere di sicurezza si è riusciti a risalire all'autore del folle gesto.

Cronaca
Pubblicato il 3 settembre 2021, alle ore 10:04

Mi piace
1
0
Piromane 74enne incastrato dalle telecamere: aveva lanciato della carta in fiamme dall’auto

E’ stato incastrato dalle telecamere di sicurezza dislocate nel territorio, che hanno ripreso i momenti immediatamente precedenti all’inizio delle fiamme su una strada periferica di Molfetta. Gli inquirenti hanno concluso l’indagine il primo settembre. Grazie alla dettagliata ricostruzione dei fatti, si è giunti all’identificazione e alla successiva denuncia di chi ha appiccato l’incendio il primo luglio scorso. 

Si tratta di un 74enne originario di Andria. Ad incastrarlo è stato fondamentalmente un video. Nelle immagini si vede chiaramente  l’uomo avvicinarsi con la sua auto al punto prescelto, quindi lanciare dal finestrino della vettura un foglio di carta che aveva già precendentemente infiammato. 

La vegetazione secca che c’era in quel punto ha contribuito così a fuoco propagare le fiamme, creando così nel giro di poco un vero e proprio rogo. Un piano che sembra non sia stato improvvisato, ma ben studiato nei dettagli. L’uomo non era di Molfetta, ci andava per incontrare una conoscente. Sembra che prima del primo luglio,il 74enne avesse già provato ad appiccare un incendio a fine giugno.

Tentativo fallito, quindi l’uomo ha deciso di riprovarci nei giorni successivi. Non contento di aver appiccato l’incendio, il piromane è poi tornato sul posto per assistere alle operazioni di spegnimento dei vigili del fuoco. Almeno questo è quello che si vede dalle immagini delle telecamere. Il Consiglio dei ministri ha approvato nella giornata del 2 settembre 2021 il decreto legge per il contrasto dei roghi che hanno distrutto molti territori in Italia nelle ultime settimane.

L’obiettivo di tale decreto è quello di rafforzare le azioni di prevenzione degli incendi nei boschi, ma anche dare maggiore impulso, forza e strumenti per contrastare gli incendi. Ad essere riviste quindi sono la gestione ed organizzazione locale della prevenzione incendi, ma anche potenziate le risorse finanziarie per contrastare questo tipo di episodi. Si è previsto inoltre per le Regioni il potere sostitutivo nel caso non fosse fatto dai Comuni del censimento ed aggiornamento dei territori incendiati.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Tiziana Terranova

Tiziana Terranova - Mi domando cosa alberghi nella testa di queste persone che appiccano i roghi per poi godersi la scena dello spegnimento degli stessi. Queste persone, oltre che essere assicurate alla giustizia e messe in galera, devono essere curate. Al contempo sarebbe anche opportuno puntare anche ad una maggiore attenzione e cura dei nostri territori.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!