Iscriviti

Perugia, 14enne picchia e minaccia di morte la madre: la denuncia della donna

Una 14enne è stata denunciata perché violenta contro la propria madre: ad ogni rimprovero fatto dalla donna, l'adolescente la minacciava di morte e l'aggrediva violentemente.

Cronaca
Pubblicato il 10 giugno 2019, alle ore 08:56

Mi piace
1
0
Perugia, 14enne picchia e minaccia di morte la madre: la denuncia della donna

I carabinieri hanno collocato in comunità una ragazza di soli 14 anni della provincia di Perugia che è stata denunciata dalla propria madre per i ripetuti casi di violenza e di minaccia di morte che le aveva rivolto nell’ultimo anno.

Il tribunale per i minorenni ha ritenuto opportuno eseguire una misura cautelare che potesse così mettere fine a quel costante stato di ansia e paura che da tempo stava vivendo la donna, tutelandola da ulteriori aggressioni fisiche della figlia che le hanno già provocato lividi ed escoriazioni su tutto il corpo.

Ci troviamo a Giano dell’Umbria, dove nei giorni scorsi una donna di 38 anni ha avuto il coraggio di denunciare la figlia appena 14enne che nell’ultimo anno ha avuto comportamenti violenti contro di lei. Sono stati gli inquirenti, coordinati dal sostituto procuratore Flaminio Monteleone, a ricostruire i numerosi episodi che hanno visto la madre vittima delle aggressioni dell’adolescente, che si arrabbiava ogni volta che la donna esprimeva un’opinione differente dalla sua, o le imponeva delle regole comportamentali. 

Aggressioni con sedie e minacce di morte

Una di queste sere ti sgozzo“, avrebbe detto la 14enne alla madre, aggiungendo “ti ammazzo” tra le altre minacce di morte rivolte alla donna, per poi aggredirla fisicamente almeno in dieci episodi ricostruiti dai carabinieri, in alcuni casi anche con l’utilizzo di una pala e di una sedia che hanno lasciato sul corpo della donna dei vistosi lividi. Secondo quanto è stato scoperto, la ragazzina faceva anche uso di alcool e stupefacenti.

Dopo la denuncia sporta dalla 38enne, i carabinieri hanno potuto mettere fine a quell’anno infernale che la donna descrive come momenti vissuti in un continuo stato di ansia e di paura. I militari hanno condotto la 14enne in una comunità collocata in Toscana, con la speranza che la ragazza possa comprendere la gravità delle sue azioni ed anche essere rieducata.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - La nostra più sincera vicinanza alla madre di questa ragazza, che si è vista rivolgere delle aggressioni spaventose dalla stessa figlia che ha dato alla luce. Penso che non ci sia niente di più doloroso nel vedere compiere questi terribili fatti a chi hai attenzionato con tutto l'amore di questo mondo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!