Iscriviti

Partivano dalla Serbia per elemosinare in Italia: guadagnavano 8 mila euro al mese

Tre finti mendicanti sono stati fermati a Modena: hanno raccontato di venire e tornare dalla Serbia, sempre in aereo, per chiedere l'elemosina, fingendosi bisognosi.

Cronaca
Pubblicato il 26 febbraio 2019, alle ore 19:57

Mi piace
1
0
Partivano dalla Serbia per elemosinare in Italia: guadagnavano 8 mila euro al mese

Arrivano dalla Serbia, viaggiano in aereo, giungono a Roma, poi vanno in treno prima a Bologna e da qui a Modena, dove elemosinano per le strade della città emiliana. Sono i pendolari della questua: due uomini e una donna che si appostavano nelle zone più trafficate e di passaggio della città, per esercitare la loro “professione” di mendicanti.

I tre giravano per strada con un cartello in mano con sopra scritto: “Vi prego aiutatemi ho due bimbi ho perso lavoro”. Bloccavano i passanti per strada, oppure si aggiravano tra le macchine in sosta ai semafori per chiedere qualche euro. Ma erano anche invadenti, e così i cittadini li hanno segnalati alla polizia municipale, che alla fine li ha fermati.

Sono serbi in trasferta. Anzi, sono pendolari dell’elemosina: partono dalla Serbia un paio di volte al mese, giusto il tempo per raggranellare guadagni che farebbero impallidire medici e professionisti. Esercitano il loro “mestiere” a Modena perché a Bologna la concorrenza sarebbe troppo elevata, e i tre mendicanti preferivano frequentare zone meno battute, come dei pionieri della carità.

La loro era una “professione” che fruttava bene: 40 euro all’ora. Una somma che, moltiplicata per 8 ore al giorno di “lavoro” ipotetico, fanno 320 euro al giorno; circa 8.300 euro al mese. Cifre da dirigenti aziendali o da ministri del governo. Il denaro raccolto il giorno del fermo è stato sequestrato dalla polizia, e i tre sono stati sanzionati per disturbo ai passanti.

In Italia, sono numerosi i finti mendicanti. Soprattutto nomadi e stranieri. Usano tecniche che si fanno ogni giorno sempre più sofisticate: c’è chi si finge invalido, chi esodato con cinque figli a carico, e chi usa bambini e cani per impietosire i passanti. Tanto che l’associazione di difesa di animali aveva denunciato il racket dei cani usati proprio dai professionisti della questua.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Nell'Italia dei santi e dei poeti, ma anche dei furbi e dei fessi, è diventato arduo fare beneficenza, perché troppo spesso un cittadino non sa se chi chiede la questua sia un individuo davvero in difficoltà, o un furbetto con poca voglia di lavorare. Meglio allora fare delle offerte ai servizi sociali: perlomeno si è certi che quei soldi andranno a chi davvero ne ha bisogno.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!