Iscriviti
Roma

Papa Ratzinger non ha firmato il libro "Dal profondo del nostro cuore"

Dal monastero dove si trova il Papa emerito viene assicurato che egli "non è autore di quel libro". Il cardinale Sarah si difende dimostrando il contrario: le lettere in cui Papa Benedetto XVI gli scriveva: "Lascio a Lei...".

Cronaca
Pubblicato il 14 gennaio 2020, alle ore 09:12

Mi piace
2
0
Papa Ratzinger non ha firmato il libro "Dal profondo del nostro cuore"

Tensione e bisogno di chiarezza hanno inondato il Vaticano e il web per la notizia diffusa ieri dalla stampa circa l’uscita del libro “Dal profondo del nostro cuore“, che pone Benedetto XVI, per una presunta collaborazione con il cardinale Robert Sarah, agli antipodi di Papa Francesco sul tema del celibato.

In realtà, chiariscono fonti molto vicine a Benedetto XVI, il Papa emerito non ha scritto un libro a quattro mani con il cardinale Sarah“. L’imbarazzo in Vaticano e nella Chiesa si scioglie: oggi comunque uscirà, in Francia, il libroDal profondo del nostro cuore”, pronto a far aprire grandi discussioni intorno al celibato dei sacerdoti.

Papa Ratzinger nell’introduzione scrive “non posso tacere“. La domanda che nasce è: “Chiede al successore Francesco di non permettere l’ordinazione sacerdotale di uomini sposati proposta dal Sinodo sull’Amazzonia?“, si legge in corriere.it. Coloro che seguono da vicino e conoscono bene il Papa emerito parlano di una “evidente operazione editoriale e mediatica, dalla quale Benedetto si chiama fuori ed è totalmente estraneo“.

Ecco cos’è successo

Il curatore, Nicolas Diat, ha preceduto l’introduzione del libro scritta dai “due autori“, con un nota: quindi c’è un saggio di Benedetto XVI che parla del “sacerdozio cattolico” e uno del cardinale Robert Sarah che, da bravo conservatore, si schiera contro ogni tipo di apertura, oltre a una conclusione dei “due autori” che chiude il libro.

Come il saggio del Papa emerito sia finito in mezzo al libro, lo spiegano i portavoce di Papa Ratzinger dal Monastero. Da diversi mesi Benedetto XVI scriveva proprie riflessioni sul sacerdozio. Il cardinale Sarah ha chiesto di leggerle e il Papa emerito, sapendo che stava scrivendo un libro sullo stesso tema, ha messo gli appunti da lui scritti a sua disposizione. Papa Ratzinger ha letto il testo finale, ma non ha mai dato l’approvazione per far uscire il libro “a quattro mani” di cui non ha nemmeno mai visto la copertina. È sua intenzione chiedere che le edizioni in stampa vengano modificate, ed egli firmerà soltanto il suo contributo.

Il cardinale Robert Sarah nella notte su Twitter ha cercato di dimostrare la sua innocenza definendo la “menzogna” insinuata su di lui diffamazione “di una gravità eccezionale“. Con una lettera, allegata al post, ha dato prova immediata della “collaborazione stretta con Benedetto XVI“, e che il Papa emerito è a “favore del celibato”. Chiude la giornata con un: “Mi esprimerò domani se necessario“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Se il Papa emerito non ha pronunciato e scritto la frase "Visto si stampi", il testo non può essere stampato con la sua firma. Mi pare sia una regola editoriale. Un testo può essere scritto, modificato, ri-modificato, ma l'ultima parola è dell'autore o degli autori. Il Papa emerito, leggendo le lettere scritte a Sarah, parla di fatica, data l'età, di pensieri affidati al cardinale. Ma se non ha firmato o se firmerà solo il proprio contributo, allora bisognerà attendere per avere il "suo" pensiero.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!