Iscriviti
Roma

Papa Francesco: un videomessaggio rivolto alle famiglie perché diventino laboratori di umanizzazione

È la famiglia "la migliore eredità" da lasciare a chi viene dopo di noi, ne è convinto Papa Francesco che alla famiglia dedica molte riflessioni e in questo mese di agosto, per la famiglia, chiede di pregare.

Cronaca
Pubblicato il 15 agosto 2019, alle ore 09:02

Mi piace
7
0
Papa Francesco: un videomessaggio rivolto alle famiglie perché diventino laboratori di umanizzazione

Ogni mese dell’anno l’Apostolato della Preghiera offre degli spunti di preghiera suggeriti dal Papa, dai Vescovi, dal clero. L’intenzione di preghiera di Papa Francesco per il mese di agosto 2019 recita: “Perché le famiglie, grazie a una vita di preghiera e d’amore, divengano sempre più ‘laboratori di umanizzazione’”.

Le famiglie sonoscuole del domani, spazi di libertà, centri di umanità“, ha detto Papa Francesco nel videomessaggio dove spiega perché l’invito alla preghiera per le famiglie, nel mese di agosto. Secondo il Papa “la migliore eredità possibile” da lasciare al mondo, nel futuro, è la famiglia. 

La famiglia, nel cuore del Papa

L’intenzione di preghiera di Papa Bergoglio ha come finalità il prendersi cura delle famiglie, perché queste sono le “vere scuole del domani”. Un appello dunque perché nelle famiglie ci siano dialogo, condivisione di esperienze, ed esse siano luogo in cui s’impara ad accogliersi, a perdonarsi.

Qualche anno fa Papa Francesco aveva ricordato che la famiglia è “il primo luogo dove si impara ad amare”. Papa Francesco sente anche che la famiglia è minacciata da più parti e, per questo, durante il suo Pontificato, ha parlato più volte delle famiglie.

Nell’esortazione apostolica, Amoris Laetitia, uscita nel 2016, Francesco ha tocca il tema Realtà e sfide delle famiglie, mettendo in guardia dall’individualismo esasperato che potrebbe portare a snaturare i legami familiari tanto da far sì che ogni componente della famiglia diventi un’isola con il rischio molto alto che insorgano “dinamiche di insofferenza e di aggressività“.

Nel 2015 aveva parlato dell’intenso lavoro di mamme e papà in famiglia, affermando “che potrebbero vincere il Nobel, per questo. Di 24 ore ne fanno 48: non so come fanno ma si muovono e lo fanno!“. In famiglia c’è molto da fare a cominciare da una cosa che sta molto a cuore al Papa: insegnare ai figli a fare il segno della croce.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Credo sia necessaria la preghiera, come ha chiesto di fare il Papa, ma penso anche che le famiglie vadano accompagnate nel loro quotidiano ad ascoltarsi, dialogare, confrontarsi, accogliersi, perdonarsi. In una società in cui tutto è possibile, qualsiasi modello di famiglia è passabile, in cui al primo posto spesso c'è l'"io" e non il "noi", penso sia difficile fare "famiglia". Solo l'amore vero e genuino, forte e indissolubile, fa "famiglia". Preghiamo dunque per l'amore nelle famiglie!

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!