Iscriviti
Roma

Papa Francesco: la Chiesa, anche quando è perseguitata e fraintesa, resta accogliente

Si conclude con l’ultima tappa del viaggio di San Paolo, a Roma, il ciclo di catechesi sugli Atti degli Apostoli di Papa Francesco, tenuta all'udienza generale del mercoledì. L'immagine che lascia è di una Chiesa come "casa aperta" a tutti coloro che cercano.

Cronaca
Pubblicato il 16 gennaio 2020, alle ore 09:37

Mi piace
5
0
Papa Francesco: la Chiesa, anche quando è perseguitata e fraintesa, resta accogliente

La Parola di Dio, annuncio dell’amore di Dio per tutti gli uomini, non si ferma di fronte a nessuna difficoltà, corre per comunicare a tutti la salvezza. Ieri, 15 gennaio, Papa Francesco, all’udienza generale tenuta in Aula Paolo VI, ha parlato dell’annuncio e della chiamata della Chiesa. Erano presenti circa 7 mila fedeli. 

Nell’ultimo brano degli Atti spiegato da Papa Francesco, San Paolo arriva a Roma, e con una battuta scherzosa afferma che “era ai domiciliari”, in quanto gli viene dato il permesso di abitare per conto proprio, sotto il controllo di un soldato. L’essere prigioniero non limita la possibilità di accogliere coloro che desideravano conoscere Cristo. Infatti, ha spiegato il Papa, “la Parola non è incatenata”, ed è “pronta a lasciarsi seminare a piene mani dall’Apostolo”.

La situazione di Paolo richiama un’immagine della Chiesa come casa aperta a tutti coloro che sono in ricerca. Anche se “perseguitata, fraintesa e incatenata”, ha detto Francesco, la Chiesa non si stanca mai di essere accogliente nei confronti di ogni uomo e ogni donna, così come fa il cuore di una madre per annunciare “l’amore del Padre che si è reso visibile in Gesù“.

Il racconto degli Atti degli Apostoli non si chiude raccontando il martirio dell’Apostolo ma con la Parola di Dio da lui seminata, a dire che Luca vuole raccontare il “viaggio del Vangelo nel mondo” e “il dinamismo della Parola di Dio”. Paolo incontra i notabili giudei parlando loro del Vangelo come “compimento delle promesse fatte al popolo eletto” e cerca di convincerli su chi fosse Gesù. In ogni incontro con le personalità del tempo, egli annuncia il Regno di Dio, ma alla fine constata “l’indurimento del cuore del popolo di Dio”.

L’udienza si è conclusa con una preghiera allo Spirito Santo perché ravvivi in ciascuno “la chiamata ad essere evangelizzatori coraggiosi e gioiosi”. Chiamata che renda la casa di ciascuno come quella di Paolo, cenacolo di fraternità, in cui accogliere Cristo che “viene incontro a noi in ogni uomo e in ogni tempo“. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - Sono molte le testimonianze di credenti che, pur incatenati e messi a morte, continuano ad annunciare l'amore e la fedeltà di Dio. Le leggiamo nella Bibbia e in molte vite di Santi martiri. Credo che l'incontro vero e profondo con Cristo, con il suo messaggio d'amore, diventi un bisogno irresistibile di dire a tutti quanto faccia bene al proprio cuore, e alla propria vita, col desiderio che tutti potessero gustarlo.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!