Iscriviti

Papa Francesco: combattere il narcotraffico mantenendo le droghe illegali

Papa Francesco, alla sua terza giornata in Brasile, prende posizione anche sul tema degli stupefacenti.

Cronaca
Pubblicato il 25 luglio 2013, alle ore 12:55

Mi piace
0
0
Papa Francesco: combattere il narcotraffico mantenendo le droghe illegali
Pubblicità

Dichiara Papa Bergoglio che ”la piaga del narcotraffico, che favorisce violenza e semina dolore e morte, richiede un atto di coraggio di tutta la società. Non è con la liberalizzazione delle droghe, come si sa discutendo in varie parti dell’America Latina, che si potrà ridurre la diffusione e l’influenza della dipendenza chimica”

La lotta alla droga e al business illegale degli stupefacenti è un tema caro al Papa, che conosce bene vista la sua lunga permanenza pastorale nella metropoli di Buonos Aires. I problemi si risolvono, secondo il Re del Vaticano, con una maggiore promozione della giustizia e dei valori della vita comune tra i giovani.

Papa Bergoglio ha portato parole di conforto e speranza ai degenti e al personale dell’ospedale Sao Francisco d’Assis, struttura specializzata nelle cure della tossicodipendenza.

Cio che appare singolare, al di là del giusto supporto della Chiesa alle vittime della tossicodipendenza e del narcotraffico, è il mettere in relazione il complesso e variegato dibattito (anche sul versante medico) sulla legalizzazione delle sostanze stupefacenti negandone l’importanza e la lotta al traffico illegale.

Ma continuando in modo moralistico a scagliarsi contro la legalizzazione delle “droghe” (senza specificare quali, in quale contesto)  e quindi tenendole illegali, non si favorisce proprio chi nell’illegalità vuole gestirne la diffusione? Se mi potessi permettere di andare in Brasile, lo chiederei io all’erede di San Pietro.

Video interessanti:
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!