Iscriviti
Roma

Papa Francesco all’Angelus: "Accogliere, proteggere, promuovere e integrare"

Nella Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, Papa Francesco ricorda: "Le migrazioni sono oggi un segno dei tempi e un'occasione per rincontrare Cristo".

Cronaca
Pubblicato il 14 gennaio 2018, alle ore 21:32

Mi piace
8
0
Papa Francesco all’Angelus: "Accogliere, proteggere, promuovere e integrare"

All’Angelus di questa mattina, 14 gennaio 2018, Papa Francesco ha ricordato che con questa domenica comincia il tempo ordinario, il tempo in cui si segue “l’Agnello di Dio” nella vita quotidiana. Il Vangelo del giorno, ha spiegato il Papa, “si muove tra epifania e sequela, tra manifestazione e vocazione“.

Che cosa cercate?“, chiede Gesù ai due che, convinti dal Battista, si mettono a seguirlo. Riecheggia la stessa domanda che il Risorto rivolgerà a Maria Maddalena: “Donna, chi cerchi?“. “Ognuno di noi – ha detto papa Bergoglio –, in quanto essere umano, è alla ricerca: ricerca di felicità, ricerca di amore, di vita buona e piena“.

Dio Padre ci ha dato la sua risposta attraverso il Figlio Gesù, a cui si arriva grazie alla testimonianza di qualcuno, nel vangelo odierno di Giovanni. Gesù coinvolge i due che lo seguono in un modo che facciano esperienza personale di lui,Venite e vedrete“. I discepoli “non potranno più dimenticare la bellezza” dell’incontro con Gesù, ha spiegato il Papa, tanto che Giovanni segna anche l’ora: “Erano circa le quattro del pomeriggio“. Cercare Gesù, incontrarlo, seguirlo: questo, ha detto il Papa è il cammino da fare!

Dopo l’Angelus Papa Francesco ha ricordato che oggi è la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato e che con un gruppo di migranti e rifugiati ora residenti nella diocesi di Roma aveva celebrato la Messa in mattinata.

Papa Francesco ha ricordato il Messaggio inviato per questa occasione ricordando che le migrazioni sono un segno dei tempi. Quando una persona, un forestiero bussa alla nostra porta abbiamo l’occasione di incontrare Gesù Cristo, che, come dice il Vangelo di Matteo, si identifica con lo straniero di ogni epoca, sia esso accolto o rifiutato.

Prima di annunciare che per motivi pastorali, la prossima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, la 105ma, sarà celebrata nel mese di settembre, nel 2019 il 19 settembre, ha ricordato i quattro verbi annunciati nel suo Messaggio come comune risposta ai migranti e rifugiati, “quattro verbi fondati sui principi della dottrina della Chiesa: accogliere, proteggere, promuovere e integrare“.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - So che per chi è senza lavoro è difficile dire: "diamo un lavoro"; so che per chi è senza casa è difficile accettare che a migranti e rifugiati ne venga data una... eppure siamo chiamati a questo, ad essere solidali con gli altri uomini. Un cammino lungo, a volte faticoso, ma possibile.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!