Iscriviti
Roma

Pandemia, l’isolamento volontario degli hikikomori

In Italia sono circa centomila i ragazzi che decidono di autoisolarsi in casa, i cosiddetti hikikomori, dal giapponese letteralmente "stare in disparte, isolarsi", che non si adattano all'ambiente circostante.

Cronaca
Pubblicato il 26 novembre 2020, alle ore 01:49

Mi piace
4
0
Pandemia, l’isolamento volontario degli hikikomori

Giacomo e Filippo sono solo due dei ragazzi italiani che hanno deciso volontariamente di autoisolarsi in casa, sono i cosiddetti hikikomori, termine che deriva dal giapponese e letteralmente vuol dire “stare in disparte, isolarsi”; non escono più di casa, ormai da quattro anni, si sono emarginati volontariamente perchè non accettano la competizione impostagli dalla società, oppure per problemi familiari, elevata sensibilità.

Marco Crepaldi, psicologo e fondatore dell’Associazione Hikikomori Italia spiega: “Molti hikikomori hanno vissuto un momentaneo sgravio di pressione durante la quarantena perché è venuta meno l’ansia di dover uscire e confrontarsi, Ma nel momento in cui la pandemia finirà, la distanza tra questi ragazzi e la società sarà ulteriormente marcata”.

In Italia sono centomila, un esercito di giovani tra i 14 e i 30 anni. Ma questo fenomeno è nato in Giappone, dove si contano oltre un milione di casi. E lo psicologo spiega che la preoccupazione sarà maggiore dopo il lockdown, in cui ci sarà un bisogno di uscire e invece gli hikikomori non vedranno vie di uscita.

Filippo, il ragazzo che non esce da quattro anni, ha abbandonato gli studi, dopo varie bocciature e si è ritirato dalla società all’età di 21 anni. Alla base, genitori separati e scarsa stima in se stesso, chiuso tutto il giorno nella sua cameretta, ha solamente una vita virtuale e nessuna vita sociale nella realtà. Anche Giacomo si basa sulla tecnologia e da cinque anni non ha più alcuna relazione sociale. Entrambi sono informati su tutto grazie alla lettura online.
Secondo lo psicologo Crepaldi, sono ragazzi che soffrono e rifiutano l’aiuto esterno perchè lo considerano ostile.

Secondo Edoardo Pessina, psicoterapeuta con i genitori, la pressione che i genitori imprimono sui figli li porta a questo atto di isolamento, per questo bisogna prima fare un lavoro sui genitori.
Molte volte i genitori sottraggono i computer ed i telefoni perchè i figli hikikomori vi passano tutto il giorno ma, secondo lo psicologo, la tecnologia è una conseguenza, e non la causa: “basti pensare che i primi hikikomori giapponesi, negli anni Ottanta, si emarginavano senza connessione internet” dichiara lo psicologo, che aggiunge: “In Italia si sta lavorando a progetti sperimentali in cui educatori professionisti, adeguatamente formati da psicologi, possano recarsi a casa dei ragazzi in isolamento sociale cercando di aiutarli direttamente a domicilio.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Martina Capit

Martina Capit - E doloroso vedere questa società che cosa ha generato. Ragazzi che non vedono più vie d'uscita se non quella di autoisolarsi, ed è un fenomeno preoccupante che non va sottovalutato. Forse molto spesso queste persone sono vittime di bullismo e per questo decidono di non confrontarsi con l'ambiente l'esterno, la scuola e lo sport. Penso che lo stato debba fare di più per aiutare questi giovani.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!