Iscriviti
Palermo

Palermo, Antonella è morta dopo una sfida estrema su Tik Tok: donati i suoi organi

Non ce l'ha fatta Antonella, la bimba di 10 anni che, per seguire una sfida estrema di soffocamento su Tik Tok, è rimasta strangolata da una cintura. I genitori hanno deciso di donare i suoi organi.

Cronaca
Pubblicato il 22 gennaio 2021, alle ore 11:52

Mi piace
2
0
Palermo, Antonella è morta dopo una sfida estrema su Tik Tok: donati i suoi organi

Antonella Sicomero, la bambina palermitana che, nel corso di una sfida di soffocamento estremo su Tik Tok, è rimasta asfissiata, non ce l’ha fatta. Mercoledì sera la piccola era stata portata dai genitori, che l’avevano trovata in bagno priva di sensi, all‘ospedale pediatrico “Di Cristina”, dove era arrivata in arresto cardiocircolatorio per la prolungata asfissia dovuta allo strangolamento con la cintura, ma ieri è stata dichiarata la morte cerebrale e i suoi genitori hanno dato il consenso all’espianto e alla donazione degli organi.

I medici hanno lavorato tutta la notte per salvare, con gli organi della piccola Antonella, altre vite: il suo cuoricino va all’Ismett di Palermo, una parte del fegato e un rene, l’altra parte e il pancreas al Bambin Gesù per un trapianto combinato, mentre il secondo rene della piccola a Genova.

Ipotizzato il reato di istigazione al suicidio

Dopo il sequestro del cellulare della bambina, la polizia, proprio in queste ore, sta indagando per accertare se il gesto estremo compiuto dalla piccola sia stato davvero ispirato ad un video sul web. La Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo e si è attivata anche quella dei minori. L’ipotesi è quella di reato di istigazione al suicidio. 

Gli inquirenti stanno cercando riscontri, per capire in che modo la bambina possa aver avuto la possibilità di partecipare alla sfida, se abbia scaricato un video, se abbia cercato di emulare il protagonista di qualche video.

Le dichiarazioni del portavoce di Tik Tok

Il portavoce di Tik Tok, nel porgere le più sincere condoglianze ala famiglia della piccola Antonella e agli amici della vittima, ha precisato che la priorità assoluta della piattaforma è la sicurezza della community e che, proprio per questo motivo, non sono consentiti contenuti che incoraggiano, promuovono o esaltano comportamenti che possono risultare dannosi.

Nonostante il dipartimento di Tik Tok dedicato alla sicurezza non abbia riscontrato contenuti che possano aver incoraggiato a compiere il gesto estremo della piccola, la piattaforma, riferisce il portavoce, continua ad essere monitorata attentamente, restando a disposizione delle autorità competenti per collaborare alle loro indagini.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Katia Lenti

Katia Lenti - La piccola Antonella non ce l'ha fatta e i suoi organi salveranno altre vite. Qualsiasi parola sembra superflua dinanzi ad una morte così atroce, cruda, immediata. Sono certa che gli inquirenti, al lavoro in queste ore, riusciranno a far emergere la verità su quanto accaduto, anche dall'analisi del cellulare sequestrato, appartenente alla piccola. Rip Antonella. La mia profonda vicinanza ai genitori e ai familiari della bambina.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!