Iscriviti
Palermo

Palermo, 4 arresti per maltrattamenti in casa di riposo: "Ti ammazzo a legnate"

A Palermo sono stati scoperti maltrattamenti su anziani in una casa di riposo, definita dagli investigatori: "un lager". Inoltre, nella struttura non venivano rispettate le norme anti-covid.

Cronaca
Pubblicato il 22 febbraio 2021, alle ore 13:05

Mi piace
3
0
Palermo, 4 arresti per maltrattamenti in casa di riposo: "Ti ammazzo a legnate"

In una casa di riposo di Palermo, quattro persone sono state arrestate con l’accusa di maltrattamenti su anziani, lesioni e violazioni di norme anti-covid. Tra gli arrestati un amministratore della struttura e tre dipendenti. Gli accusati sono al momento agli arresti domiciliari, mentre la struttura su cui è stato disposto il sequestro è stata affidata ad un amministratore giudiziario per permettere il continuo dell’attività e per la salvaguardia degli anziani presenti in essa.

Le indagini sono state disposte dal Dipartimento fasce deboli della Procura di Palermo nei confronti della onlus ” I nonnini di Enza” di Palermo. Gli ospiti della struttura venivano minacciati, strattonati, presi a calci e schiaffi, oltre a subire parole denigranti come: “Ti prendo a bastonate, t’ammazzo a legnate” o “cosa inutile… devi buttare il sangue qua e devi morire, tanto se muori che mi interessa”. 

L’inchiesta è partita grazia alla denuncia di un ospite della onlus; così attraverso lo sviluppo di intercettazioni è stato possibile documentare i diversi episodi e le diverse forme di maltrattamento psicologico e fisico a cui gli anziani erano sottoposti, vivendo così in un clima di terrore costante. Infatti, in meno di due mesi, sono stati registrati molteplici episodi di oppressione e oltraggio, ripetute in modo “ciclico” ai danni degli anziani.

Il gip ha reso noto che le violenze fisiche e morali messe in atto dagli indagati avevano quindi un “consolidato modus operandi” con obiettivo di prevaricazione e sopraffazione. Antonio Quintavalle Cecere, comandante provinciale della Guardia di finanza ha dichiarato la struttura come” un vero e proprio lager per gli ospiti, uno spaccato di nefandezze veramente deprimente”.

Oltre alle accuse di lesioni e maltrattamenti, gli accusati dovranno rispondere anche della accuse di mancato rispetto delle norme di contagio anti-covid e dei reati di sicurezza sul luogo di lavoro, in quanto durante le intercettazioni e indagini è stato rilevato che i dipendenti della struttura non usavo dispositivi di protezione individuale, nonostante entrassero in contatto in un ambiente chiuso con soggetti particolarmente vulnerabili.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Serena Spaventa

Serena Spaventa - Si sente parlare purtroppo spesso di maltrattamenti su persone anziane in strutture che dovrebbero tutelare queste persone, accompagnandole verso la fine della loro vecchiaia in modo dolce e affettuoso. Non so come si faccia ad avere tale cattiveria e odio verso le persone e verso il proprio lavoro. Spero che avranno una pena da scontare esemplare.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!