Iscriviti

Orrore a Reggio Emilia: lavaggi del cervello e scosse ai bambini da dare in affido

Sono 18 gli arrestati nell'inchiesta "Angeli e Demoni", accusati di aver manipolato i ricordi dei bambini, per toglierli ai genitori e darli in affidamento ad altre famiglie in cambio di soldi.

Cronaca
Pubblicato il 27 giugno 2019, alle ore 13:43

Mi piace
2
0
Orrore a Reggio Emilia: lavaggi del cervello e scosse ai bambini da dare in affido

Una manipolazione mentale da film dell’orrore. E’ quanto hanno scoperto gli inquirenti in una scuola di Reggio Emilia. Dentro c’erano proprio tutti: politici, assistenti sociali, psicologi, educatori e il sindaco del Partito Democratico di Bibbiano, tutti accusati di aver redatto false attestazioni per permettere l’allontanamento dei bambini dalle famiglie naturali e affidarli ad amici e conoscenti dietro lauti compensi.

Gli inquirenti hanno ricostruito un giro d’affari da centinaia di migliaia di euro. I truffatori, per privare i genitori della patria podestà, usavano metodi da regime nazista: sottoponevano i piccoli a ore e ore di “lavaggio del cervello” durante i colloqui tra i bambini e gli psicologi e usavano anche scosse elettriche in grado di alterare “lo stato della memoria in prossimità dei colloqui giudiziari”.

I racconti dei piccoli sulla loro situazione familiare venivano così manipolati e ne venivano fuori false storie di abusi sessuali, disegni non autentici nei quali venivano riprodotte scene di violenza e maltrattamenti. Per rendere ancora più efficace il sistema “criminale”, i terapeuti si vestivano anche da mostri o personaggi inquietanti, per incutere paura ai bambini, così da minare le loro convinzioni.

Con questi metodi barbari, la versione che i bambini fornivano poi al giudice veniva distorta, e questo permetteva ai magistrati di privare i genitori della patria podestà e di affidare i piccoli ad altre famiglie, inserite nel losco giro di affari. Sembra che alcuni bambini siano stati anche stuprati, una volta entrati a far parte dei nuovi nuclei familiari o delle comunità.

Il sistema è stato smantellato dalle forze dell’ordine e gli arrestati sono stati accusati di frode processuale, depistaggio, abuso d’ufficio, maltrattamento su minori, lesioni gravissime, falso in atto pubblico, violenza privata, tentata estorsione e peculato d’uso. Reati gravissimi, resi ancora più odiosi se si pensa che a perpetrarli erano professionisti, non delinquenti da strada.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Mario Barbato

Mario Barbato - Coinvolto in questo orrore anche il sindaco del Partito Democratico. Qui non si tratta di corruzione, ma di veri e propri atti criminali. Poi magari vanno a Lampedusa a fare pure i buonisti. Da rinchiudere tutti in galera e da buttare via la chiave affinché questi soggetti pericolosi vengano tolti per sempre dalla società.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!