Iscriviti
Roma

Omicidio Vannini, la madre sulla sentenza: “L’hanno ucciso due volte!”

La mamma di Marco Vannini non riesce a contenere la sua rabbia dopo la sentenza che ha visto la riduzione di pena per Antonio Ciontoli da 14 a 5 anni di reclusione. Un altro dolore per la donna

Cronaca
Pubblicato il 31 gennaio 2019, alle ore 10:22

Mi piace
3
0
Omicidio Vannini, la madre sulla sentenza: “L’hanno ucciso due volte!”

E’ un urlo di dolore quello che si leva in aula dopo la lettura della sentenza da parte dei giudici che hanno trattato il caso dell’omicidio di Marco Vannini. Parole troppo forti da sopportare, un dolore che la mamma del giovane non riesce a contenere e che esplode con tutta la sua violenza.

Secondo i giudici, infatti, Antonio Ciontoli vedrà ridotta la sua pena da 14 a 5 anni. Una decisione che per Marina Conte, madre di Marco, è stata troppo da sopportare. Quel figlio strappato alla vita ancora giovanissimo quando è stato colpito da un proiettile in casa della fidanzata e morto poco dopo dopo una serie di omissioni di soccorsi e ritardi.

“Mio figlio me l’hanno ammazzato un’altra volta” ha detto tra le lacrime Marina Conte dopo la lettura della sentenza. “Marco è morto chiedendo di vedere me, sua mamma, mentre chi lo ha ucciso mi mentiva al telefono e chissà che altro gli faceva. Mi hanno levato anche il diritto di aiutarlo e mentre oggi loro sono liberi, io sconto l’ergastolo di una vita senza il mio unico figlio e senza la verità. Continuo a chiedermi se potevo salvarlo, se potevo stargli vicino,. Mi sveglierà mai da questo brutto sogno?” queste le parole cariche di dolore di una mamma che non soltanto ha perso il figlio ma che ad oggi sente di non aver avuto giustizia, che la vita di suo figlio non abbia avuto il giusto valore per i giudici.

Omicidio Vannini, la rabbia della mamma dopo la sentenza

Una vicenda giudiziaria che ha riempito i rotocalchi e che in queste ore sta indignando l’opinione pubblica. In tanti, infatti, sono vicini a Marina Conte ed al suo dolore e comprendono la sua rabbia alla lettura della sentenza. Quel suo “Vergogna” urlato in aula, con gli agenti che cercano di allontanarla dall’aula, risuona nel cuore di tante mamme che comprendono il suo dolore.

La mamma di Marco Vannini, però, non ha intenzione di arrendersi e continua a chiedere giustizia per il proprio figlio, come gli ha promesso sulla sua stessa tomba. “Sono andata al cimitero da Marco. Gli ho detto “Non so proprio cosa dirti amore mio, non ho le parole”.” ha detto la donna con un filo di voce ai tanti microfoni che l’hanno intervistata.

Si continua, quindi, a parlare della morte di questo ragazzo per cercare di fare luce su quanto è successo in quei momenti concitati che hanno purtroppo portato alla sua morte. Quel che è certo è che questa donna e la sua famiglia non hanno intenzione di accettare questa condanna che non rende giustizia al grande dolore che stanno provando e che proveranno ogni giorno della loro vita.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Daniela Pisani

Daniela Pisani - Non ritengo giusta questa riduzione di pena. La vita di un ragazzo non può valere solo 5 anni di reclusione. Capisco bene il dolore di questa mamma e la disperazione che deve aver provato alla lettura di quella sentenza. Impossibile rimanere composti, impossibile trattenere la propria rabbia. Spero che presto si riesca a fare luce sulla dinamica dei fatti. Questa mamma merita giustizia.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!