Iscriviti

Omicidio Sarah Scazzi: Michele Misseri prosciolto dall’accusa di calunnia

Lo scorso 5 novembre è stata pronunciata nei confronti di Michele Misseri l’estinzione del reato di calunnia. Il suo nuovo legale chiede la possibilità di scontare la restante parte della pena nella casa ad Avetrana.

Cronaca
Pubblicato il 9 novembre 2021, alle ore 17:19

Mi piace
0
0
Omicidio Sarah Scazzi: Michele Misseri prosciolto dall’accusa di calunnia

Il 26 agosto 2010, Sarah Scazzi, 15 anni appena, è stata uccisa ad Avetrana. Per la giustizia italiana a macchiarsi di quell’orribile crimine è stata la cugina Sabrina Misseri in concorso con la madre Cosima Serrano.

Il 21 febbraio 2017 la Corte di Cassazione ha apposto per le due donne il sigillo giudiziario dell’ ergastolo. Michele Misseri, zio di Sarah, è stato invece condannato alla pena di 8 anni di reclusione per il reato di soppressione di cadavere della nipote.

La vicenda

Si è tenuta lo scorso 5 novembre, presso il Tribunale di Lecce, l’udienza del processo che ha visto imputato Michele Misseri per il reato di calunnia nei confronti del suo ex legale, l’Avv. Daniele Galoppa, e della sua ex consulente di parte. Rei, questi ultimi, secondo lo zio di Sarah Scazzi, di aver esercitato pressioni affinché lo stesso addebitasse l’omicidio della nipote alla figlia, Sabrina Misseri.

L’udienza, iniziata alle 11.30 lo scorso venerdì, è terminata intorno alle 13. In quella sede, il giudice ha dichiarato di non doversi procedere nei confronti di Michele Misseri per l’intervenuta prescrizione del reato. Determinando così il trasferimento della causa, per quel che attiene il profilo risarcitorio, in sede civile.

L’uomo ha seguito l’udienza in video conferenza dal carcere ove è detenuto e, nel frattempo, il suo nuovo legale, l’Avv. Ennio Blasi, ha annunciato la sua prossima mossa: entro fine anno chiederà al magistrato di sorveglianza che il suo assistito possa scontare la restante parte della pena in regime di detenzione domiciliare.

Misseri, difatti, è stato condannato ad 8 anni di reclusione per il reato di soppressione di cadavere della nipote Sarah Scazzi. Sepolta, quest’ultima, in contrada Mosca ad Avetrana, in provincia di Taranto. Ma, grazie ai benefici di legge – che prevedono uno sconto di pena di 45 giorni ogni semestre di detenzione – estinguerà il proprio debito con la giustizia già il 15 novembre 2024. L’uomo, però, ha fatto sapere di voler trascorrere gli anni che restano nella villetta di via Deledda, ad Avetrana, non potendo più fare a meno di tornare a lavorare nei campi.

Proprio in quella casa in cui Sarah ha perso la vita per mano della cugina Sabrina. Tuttavia, nonostante abbia manifestato la volontà di fare rientro nella sua abitazione, l’Avv. Blasi ha fatto sapere che Misseri si è ben ambientato nel carcere di Lecce: dipinge, la domenica fa la pizza e si fa chiamare zio Michele dagli altri detenuti. Secondo indiscrezioni, inoltre, pur continuando ad addebitarsi ogni responsabilità per la morte della nipote, non porterebbe più la fede al dito.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una storia che ancora oggi, a distanza di molti anni, lascia in tutti un velo di profonda rabbia e tristezza, l'omicidio della piccola Sarah Scazzi, un angelo biondo di soli 15 anni , uccisa ammazzata per mano di chi avrebbe dovuto amarla e proteggerla. E' giusto che chi l'ha uccisa, che si trova attualmente in carcere, ci resti per sempre.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!