Iscriviti

Omicidio Elena Casanova: colpi di scena ed aggiornamenti

Ulteriori colpi di scena ed aggiornamenti dell'orribile vicenda, perseguitata da mesi con messaggi di minacce, intimidazioni e scritte sui muri.

Cronaca
Pubblicato il 22 ottobre 2021, alle ore 15:55

Mi piace
1
0
Omicidio Elena Casanova: colpi di scena ed aggiornamenti

Ulteriori colpi di scena ed aggiornamenti della orribile vicenda dell’omicidio di Elena Casanova, era perseguitata da mesi con messaggi di minacce, intimidazioni e scritte sui muri. Non aveva mai valutato l’idea di sporgere denuncia contro il suo ex compagno. Non considerava che lui sarebbe addirittura arrivato ad ucciderla per strada a Castegnato, nel Bresciano.

Invece, per l’ex compagno Ezio Galesi, operaio 59enne con il quale aveva avuto una rapporto sentimentale fino a un anno fa, era diventata un’ossessione, voleva fargliela pagare perché lei lo aveva lasciato. Ma poi davanti hai carabinieri cambia versione e ritratta tutto, affermando che si è trattato di un raptus del momento.

In soli 30 min. ha fornito spiegazioni sommarie e controverse. Mercoledì, intorno all’ora di cena, ha scatenato la sua rabbia contro Elena Casanova, operaia di 49 anni, massacrata a martellate. L’ha aspettata per strada mentre rincasava in auto.

Dapprima ha inveito con insulti, dopo ha rotto  il finestrino con il martello, l’ha scaraventata fuori dall’auto e ha preso a colpirla alla testa. Lei ha fatto solo in tempo a chiedergli perché?. Le urla dalla strada hanno fatto incursione nelle case lì vicino.L’ha uccisa, ed ha chiamato i carabinieri dichiarando di  avere fatto quello che doveva fare, poi si è acceso una sigaretta.

Purtroppo si trovano a passare la figlia diciassettenne della donna e l’ex marito che rincasavano con le pizze. L’uomo vede Galesi a braccia conserte davanti al cadavere riverso a terra. Capisce la tragedia e, per proteggere la figlia, cambia strada e la porta via. Galesi qualche ora dopo ha confessato al pm l’omicidio e  di aver bucato le gomme dell’auto della donna.

Invece non ha fatto menzione di quelle scritte, che in tanti gli attribuiscono, comparse sui muri vicino a casa di Elena. Goditela mille euro, frase che farebbe riferimento a un presunto debito della donna nei confronti dell’omicida che aveva svolto alcuni lavori di giardinaggio.Un presunto debito per lavori di giardinaggio che, forse, era stato pagato parzialmente e che rappresentava il pretesto per perseguitarla e punirla per averlo lasciato.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Giuseppe Costantino

Giuseppe Costantino - Ancora oggi nel 2021 siamo costretti ad assistere alla brutalità del maschio che sovrasta la donna più indifesa. Non è più umanamente comprensibile pensare che il femminicidio sia l'unica soluzione per gli uomini che non riescono a superare il dolore di un amore finito. È assolutamente assurdo e mi auguro che ci siano pene esemplari per personaggi che si macchiano di questo orribile crimine.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!