Iscriviti

Ognissanti: quando si può ricevere l’indulgenza per i defunti

Visitando la chiesa parrocchiale nel giorno di Ognissanti o il cimitero, anche nei giorni successivi, si ha la possibilità di ottenere l'indulgenza per i defunti

Cronaca
Pubblicato il 30 ottobre 2018, alle ore 15:01

Mi piace
9
0
Ognissanti: quando si può ricevere l’indulgenza per i defunti

Nella Festa di Ognissanti, credenti e non, si avvicinano al mistero della morte delle persone care. A loro portano un mazzo di fiori, una candela o semplicemente lo vivono come un momento di raccoglimento nel luogo in cui ci sono i resti dei loro corpi, segni del loro passaggio su questa terra, nella speranza che siano nella pace.

L’indulgenza per i defunti

La Chiesa, madre e maestra, offre a chi lo desidera la possibilità di una preghiera profonda e significativa a favore dei cari defunti con l’indulgenza delle colpe. Secondo quanto spiega la Penitenzieria Apostolica, nel sito del Vaticano, indulgenza consiste nella remissione davanti “a Dio della pena temporale per i peccati, già rimessi quanto alla colpa”. La pena temporale si sconta in terra o in Purgatorio.

La Chiesa, ministra della redenzione, ha la facoltà di offrire ai credenti quanto Gesù Cristo ha ottenuto donando la sua vita, ossia il perdono della colpa e con l’indulgenza lo sconto della pena temporale.

Per ottenere l’indulgenza per sé o per i propri cari, il fedele deve avere dei requisiti:

  • essere stato battezzato
  • non essere stato scomunicato
  • essere in stato di grazia mediante i sacramenti
  • avere l’intenzione di ricevere l’indulgenza

Tali requisiti vengono quasi sempre riassunti in alcune raccomandazioni: confessione e comunione, recita del Credo e preghiera per il Papa con un Pater Ave Gloria, senza tralasciare il convinto distacco da ogni forma di peccato, anche veniale.

Quando ricevere l’indulgenza 

A partire da mezzogiorno del 1° novembre, Festa di tutti i Santi, fino alla mezzanotte del giorno successivo, il giorno dedicato ai morti è possibile ottenere l’indulgenza per i propri cari defunti facendo visita a una chiesa parrocchiale.

Dal 1°novembre fino al giorno 8 si può ottenere l’indulgenza per i defunti visitando un cimitero. Nel sito festadelladivinamisericordia.com si legge che “I fedeli che fanno visitano il cimitero e pregano, anche solo mentalmente per i defunti, possono lucrare, una volta al giorno, l’indulgenza plenaria”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marilena Carraro

Marilena Carraro - La settima opera di misericordia spirituale chiede di "Pregare Dio per i vivi e per i morti". Lo possiamo fare sempre, ma in particolare in questi giorni a loro dedicati. Penso che ricordare i propri cari oltre che con i fiori anche con la preghiera e con l'impegno di una vita retta sia una cosa molto bella.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!