Iscriviti

Nuovi martiri: ucciso a Como don Roberto

Don Roberto, il prete degli ultimi, è stato ucciso a coltellate questa mattina in strada da un clochard con problemi psichici. Un martire in un clima di odio.

Cronaca
Pubblicato il 15 settembre 2020, alle ore 17:12

Mi piace
0
0
Nuovi martiri: ucciso a Como don Roberto

Don Roberto, il prete della parrocchia di San Rocco nel cuore di Como, conosceva bene il suo assassino, tunisino, che aveva aiutato perché senza fissa dimora, sbandato come tutti gli ultimi cui aveva dedicato la vita, coloro che aiutava mettendo in pratica il Vangelo.

Lo chiamavo il prete degli ultimi perché aiutava i senza fissa dimora, le prostitute, gli immigrati. Chiunque bussasse alla sua porta, la trovava aperta e, soprattutto, trovava lui come punto di riferimento, instancabilmente disponibile.

Questa mattina, alle 7, aveva già caricato l’auto per il solito giro di distribuzione delle colazioni da portare ai bisognosi, quando è stato aggredito e accoltellato. Qualcuno di passaggio ha allertato i soccorsi che son arrivati poco dopo, ma non hanno potuto far nulla per salvare la vita del parroco cinquantunenne.

Quasi contemporaneamente, l’aggressore si è recato volontariamente nella caserma dei carabinieri per costituirsi. Vicino alla fontanella di San Rocco dove don Roberto è stato colpito, sono state lasciate subito delle rose gialle e poi è cominciata una vera e propria processione di persone per lasciare dei fiori o accendere una candela a ricordo di un prete tanto amato.

Questa sera, inoltre, Como si ritroverà in Duomo per la recita, guidata dal vescovo della città, del Santo Rosario in sua memoria. L’uccisione di don Roberto riporta purtroppo alla mente un fatto molto simile accaduto a un altro sacerdote in un altro quartiere della stessa diocesi comasca, oltre vent’ anni fa: don Renzo.

Don Renzo era parroco a Ponte Chiasso, quartiere comasco di frontiera che si affaccia proprio sulla dogana e, pertanto, luogo dove si radunavano e cercavano una sistemazione numerosi stranieri, spesso irregolari. Come don Roberto oggi, don Renzo era un sacerdote molto attivo nel campo dell’accoglienza, tanto che aveva destinato alcuni locali della sua parrocchia a ricoveri di emergenza per dare un tetto ai più disperati. E fu proprio uno di loro a colpirlo mortalmente con lo stesso, triste, epilogo odierno.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Maria Guerricchio

Maria Guerricchio - Purtroppo molti di questi sbandati sono affetti da patologie mentali che offuscano loro la mente. Dispiace che a farne le spese siano spesso persone che provano a dar loro aiuto ma poco si può dire o fare in casi come questo se non sperare che, prima o poi, si riesca a dar vita a uno stato di welfare tale che queste persone trovino assistenza nelle strutture più adeguate per loro.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!