Iscriviti

Novara, bimba di un mese e mezzo muore in culla: disposta per i prossimi giorni l’autopsia

A Bellinzago Novarese una bimba di 1 mese e mezzo è morta mentre dormiva nella sua culla e a ritrovare il suo corpicino privo di vita è stata la mamma 30enne. Nei prossimi giorni l'autopsia.

Cronaca
Pubblicato il 5 novembre 2021, alle ore 07:50

Mi piace
0
0
Novara, bimba di un mese e mezzo muore in culla: disposta per i prossimi giorni l’autopsia

Ci sono storie che non si vorrebbero mai sentire ma che purtroppo accadono. A Bellinzago Novarese una bimba di 1 mese e mezzo è morta nel sonno, mentre dormiva nella sua culla.

La tragedia è avvenuta il 3 novembre, intorno alle 5, quando la mamma si è accorta che la sua bambina, che aveva allattato a mezzanotte, aveva smesso di respirare.

La ricostruzione dell’accaduto

La donna, 30 anni, ha chiamato immediatamente i soccorsi ma, all’arrivo dei sanitari del 118, la piccola era già morta. L’ipotesi più probabile è che si sia trattato di un caso di morte in culla ma sul corpicino della neonata è stata disposta l’autopsia. Sarà proprio quest’ultima, nei prossimi giorni, a chiarire con precisione cosa sia accaduto.

La bimba potrebbe essere deceduta per un problema respiratorio sconosciuto che non si era mai manifestato prima. I genitori, lei italiana e lui di origine tedesca, sono stati ascoltati dai carabinieri di Oleggio e Novara, accorsi sul luogo in cui si è consumata la tragedia, nella loro abitazione sita in via Antonelli. La piccola, riporta Repubblica, non aveva dato alcun segno di malessere. La mamma l’aveva vista intorno a mezzanotte, quando si era svegliata per la poppata. L’intera comunità del piccolo comune del Novarese è sotto choc e si stringe intorno alla famiglia.

La sindrome della morte in culla

La sindrome della morte in culla, o sudden infant death syndrome (Sids), si legge in un’informativa dell’Istituto Superiore della Sanità, colpisce i bambini tra un mese e un anno di età. La definizione Sids, che non corrisponde a una precisa patologia, si applica quando si possono escludere tutte le altre cause note per spiegare il decesso del neonato, da malformazioni a eventi dolosi. Non è stata ancora definita con sicurezza una specifica causa medica in grado di spiegare la Sids ma ci sono invece una serie di comportamenti e di fattori di rischio che possono incidere significativamente sulla probabilità che la Sids si verifichi, come dimostrano numerosi studi e indagini.

I fattori di rischio evidenziati dell’Istituto Superiore della Sanità sono diversi: far dormire il bambino in posizione prona, ossia sulla pancia; far dormire il bambino su materassi, cuscini e piumini soffici e avvolgenti; esposizione del feto e del neonato al fumo; giovanissima età della madre e assenza di un percorso di assistenza adeguata nel periodo pre e post natale; nascita prematura o basso peso alla nascita; presenza di infezioni respiratori. 

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Caterina Lenti

Caterina Lenti - Una tragedia che, da mamma, mi lascia senza parole. Mi immedesimo nel dolore dei genitori della piccola morta, a solo 1 mese e mezzo, mentre dormiva nella sua culletta. In questo momento tutte le parole sembrano superflue. Rivolgo le mie più sentite condoglianze ai familiari della neonata scomparsa. Riposa in pace meraviglioso angioletto.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!