Iscriviti

Natale, massimo 8 persone a tavola e mascherine obbligatorie. Lopalco: "Al cenone non invitate i no-vax"

Pier Luigi Lopalco a Sky TG24, ospite a "Timeline", ha invitato gli italiani di fare il cenone natalizio solamente con le persone vaccinate, forzando così i più indecisi a vaccinarsi.

Cronaca
Pubblicato il 15 novembre 2021, alle ore 21:10

Mi piace
2
0
Natale, massimo 8 persone a tavola e mascherine obbligatorie. Lopalco: "Al cenone non invitate i no-vax"

Circa tre giorni fa Pier Luigi Lopalco si è dimesso da assessore alla Sanità in Puglia, ma nonostante questa sua decisione sta continuando a rilasciare le sue interviste in vari salotti televisivi. L’epidemiologo, come tra l’altro già svelato in passato, si dichiara molto preoccupato che, durante i cenoni di Natale, potrebbero aumentare i casi di Covid-19.

Questa preoccupazione in realtà viene condivisa da molti esperti, e per questo motivo si starebbero studiando delle manovre molto pesanti da mettere in campo nelle prossime settimane. Oltre a un possibile lockdown riservato solamente ai non vaccinati, i virologi invitano gli italiani di non fare dei cenoni con numerose persone (massimo 6 o 8), bisogna stare attenti con i bambini e con gli anziani e soprattutto usare la mascherina.

Le parole di Pier Luigi Lopalco

Intervistato a Sky TG24 nella striscia dedicata a “Timeline“, Pier Luigi Lopalco afferma con convinzione: “Esiste anche un altro modo a cui stiamo ricorrendo poco, ovvero quello del sentimento sociale: io a casa mia a cena un mio conoscente o un mio amico non vaccinato non lo invito. Se tutti quanti cominciassimo a dire che se non sei vaccinato al cenone di Natale non ci vieni, credo che qualche altra vaccinazione si recupererà.

Sul green pass invece, oltre a dichiararsi totalmente favorevole al certificato idea, come riportato testualmente da “La Repubblica” mette sul tavolo un paio d’idee: “Lo si rilascia solo se o si è avuta l’infezione naturale, quindi se si è guariti dal Covid, o se si è vaccinati o se si ha una esenzione medica. Evitiamo quindi di fare un tampone per il Green pass ogni 3 giorni. Io penso che questo sarebbe ancora una volta aumentare il livello di incentivo a vaccinarsi”.

In un post precedente scritto su Facebook invece rivela che molteplici vaccini prevedono un ciclo primario d’immunizazione, con una o più dosi, oppure uno o più richiami a distanza di tempo. Infatti, sempre secondo l’esperto, bisogna aspettare che il sistema immunitario riconosca l’infezione virale e attivi quindi le sue difese. Gli unici a rischio quindi sarebbero, oltre le persone che hanno deciso di non vaccinarsi, quelli più deboli che ci mettono più tempo a montare le difese.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Quest'anno sembra che abbiano iniziato molto prima a marciare sul periodo natalizio, ma non credo che cambierà molto, perché gli italiani (o almeno il 90% di essi) continueranno a invitare i non vaccinati e faranno i loro cenoni in compagnia di 8 persone. E sinceramente non credo che un lockdown per i "no-vax" possa davvero servire a limitare i danni, sempre se verranno fatti dei danni, poiché nessuno può controllare chi viene invitato in casa.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!