Iscriviti
Napoli

Napoli, uomo mette guinzaglio del cane e prende a calci la sua fidanzata: condannato a un anno e quattro mesi

Un uomo, nella zona di Chiaia, ha stretto al collo della sua fidanzata un guinzaglio del cane e trasportandola per tutta la zona, sotto gli occhi increduli dei passanti.

Cronaca
Pubblicato il 3 gennaio 2019, alle ore 11:11

Mi piace
3
0
Napoli, uomo mette guinzaglio del cane e prende a calci la sua fidanzata: condannato a un anno e quattro mesi

Quanto accaduto ai “Gradoni di Chiaia”, una salita di Napoli che porta da via Chiaia ai Quartieri Spagnoli e infine al corso Vittorio Emanuele sta facendo notizia. Un uomo ha messo al collo della propria fidanzata il guinzaglio del suo cane e in seguito trasportandola per tutta la zona di Chiaia, scatenando l’ira e l’incredulità dei passanti presenti in quella zona

La ragazza, originaria dello Sri Lanka, ha deciso di lasciare il suo compagno, e dopo aver preparato la sua valigia, si è catapultata in strada in attesa di un taxi. È stata però raggiunta dal suo fidanzato, che prima l’ha presa a calci e pugni, per poi legarla al guinzaglio del suo cane, trascinandola.

I soccorsi e l’arresto

Una volta arrivata la Polizia sul posto, l’uomo ha dichiarato che la sua fidanzata è svenuta a causa di una carenza cronica di ferro. La verità, tuttavia, è uscita fuori grazie anche ai testimoni che erano presenti. Dopo circa venti minuti è arrivata l’ambulanza del 118, che ha provveduto a prestare soccorso alla srilankese.

Stella, il nome della ragazza, ha riportato dei traumi lievi ed ha avuto una prognosi di circa 21 giorni; l’uomo, invece, è stato immediatamente arrestato e condannato per direttissima a un anno e quattro mesi di reclusione, oltre al divieto di avvicinamento alla donna dopo aver scontato la pena.

Il ministro per la Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, su questa grave vicenda ha affermato: “A Napoli un farabutto ha umiliano la sua compagna, che voleva interrompere la loro relazione, e dopo averla picchiata le ha addirittura messo al collo il guinzaglio del cane, trattandola così alla stregua di un animale, negandole la dignità di donna. Il 2019, da questo punto di vista, inizia male, come male si era concluso il 2018”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Emanuele Novizio

Emanuele Novizio - Leggere queste notizie nel 2019 fanno davvero male. Sono molto apprezzabili le parole rilasciate da Giulia Bongiorno, ma se vogliamo combattere davvero la violenza contro le donne non possiamo punire questi casi con una pena così misera. Spero vivamente che la Giustizia e la Legge possa fare il suo lavoro nei prossimi mesi

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!