Iscriviti
Napoli

Napoli risponde alla polemica di Briatore: "Pizza a 4 euro". La dura replica

Le pizzerie napoletane non rimangono in silenzio dopo le provocazioni di Flavio Briatore che ha punto sul vivo Napoli e una delle loro sacre tradizioni: la pizza.

Cronaca
Pubblicato il 21 giugno 2022, alle ore 08:59

Mi piace
2
0
Napoli risponde alla polemica di Briatore: "Pizza a 4 euro". La dura replica

Ascolta questo articolo

In queste ore stanno facendo molto discutere le affermazioni di Flavio Briatore a proposito della “sua” pizza. Il noto imprenditore ha affermato, infatti, che il prezzo per una pizza margherita preparata nei suoi locali si aggira intorno ai 15 euro, questo per l’impiego di materiali primi di qualità e per il dover pagare tasse e dipendenti.

Fuoco alle polveri, in pochi istanti la notizia ha fatto il giro del web e non solo, scatenando un vero e proprio putiferio. In generale, tutti i pizzaioli d’Italia si sono sentiti punti sul vivo per queste affermazioni allusive secondo cui, tranne Briatore, le altre pizzerie riescono a tenere prezzi così contenuti perché utilizzano prodotti scadenti e non pagano tasse.

Come è facile immaginare, chi si è sentito più offeso e oltraggiato è il popolo napoletano, legato a questo piatto da secoli. Proprio dal capoluogo partenopeo è arrivata una dura replica alle parole dell’imprenditore: “Briatore ha fatto male i conti: è vero che la pizza non può costare più solo 4 euro, perché se si usano ingredienti di qualità, con tutti gli aumenti di oggi, non può essere pagata così poco. Ma può costarne 6, e non 14“, ha precisato Alessandro Condurro, AD dell’Antica Pizzeria Michele in the World con locali sparsi in tutto il mondo che non hanno dimenticato l’antica tradizione familiare.

La risposta alle provocazioni di Flavio Briatore

A lui dico che io vendo la Marinara o la Margherita a 6 euro e questo non significa che ho i dipendenti in nero. Noi paghiamo tutti i contributi e le tasse” rivolgendosi direttamente a Briatore, notevolmente infastidito per un messaggio che da molti potrebbe essere mal interpretato e che mette in dubbio e discussione la professionalità di chi ogni giorno, con fatica e impegno, porta avanti una tradizione riconosciuta in tutto il mondo.

Anche il presidente dell’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, Sergio Miccù, ha voluto mettere chiarezza in questa polemica, che per molti altro non è che una sapiente mossa di marketing: “La pizza napoletana è un piatto pop, ossia popolare. Ha contribuito a sfamare intere generazioni, superando le crisi più dure che la città ha attraversato. Dalla guerra al colera. Il problema non è a quanto si venda la pizza con l’astice blu come condimento, ma a quanto sia giusto vendere una Margherita o una Marinara fatta con ingredienti di qualità. È troppo generico parlare di pizza: le classiche conservino il valore della tradizione e di piatto popolare. Quelle cosiddette da chef sono un’altra cosa e possono avere prezzi diversi”.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Cristina Giuli

Cristina Giuli - Sicuramente una sapiente mossa di marketing che sta dando i suoi frutti. Il nome di Flavio Briatore e della sua pizza chic stanno facendo il giro del mondo, proprio grazie alle pesanti dichiarazioni dell'imprenditore. La regola è sempre la stessa: l'importante è che se ne parli, nel bene o nel male.

Lascia un tuo commento
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.