Iscriviti
Napoli

Napoli, mamma aggredita dal marito di una maestra. Voleva chiarimenti su una presunta violenza a danno del figlio

Si era recata alla scuola elementare del figlio per chiedere spiegazioni riguardo un presunto atto di violenza che la maestra avrebbe fatto sul figlio di 6 anni, ma è stata aggredita dal marito di questa.

Cronaca
Pubblicato il 17 marzo 2019, alle ore 12:15

Mi piace
5
0
Napoli, mamma aggredita dal marito di una maestra. Voleva chiarimenti su una presunta violenza a danno del figlio

Quello che sembrerebbe essere un duplice episodio di violenza è avvenuto a Napoli, presso l’Istituto Comprensivo Campo del Moroncino Umberto I in piazza Guglielmo Pepe.

A denunciare l’accaduto è Anna Pignotti, mamma di uno dei bambini che frequenta la prima elementare dell’istituto dopo aver saputo di un presunto episodio di violenza contro il figlio. Per questo motivo si è recata a scuola per un colloquio con la maestra di matematica; qui, la mamma è stata aggredita dal marito dell’insegnante.

L’indagine interna nella scuola

La vicenda è accaduta lunedì scorso, dopo che una mamma ha riferito ad Anna Pignotti che la maestra di matematica aveva spinto nel corridoio Antonio, il figlio di 6 anni, per poi colpirlo con due schiaffi poichè si rifiutata di contare fino a venti.

Per questo motivo, la madre, preoccupata da queste comunicazioni, si è recata a scuola per poter chiarire la vicenda con la maestra; al momento della discussione era presente anche il marito di questa. Da quanto è stato raccontato dalla stessa vittima, al culmine di una discussione verbale molto accesa, l’uomo ha aggredito la donna. Curata presso l’ospedale della zona, sono stati riscontrati graffi e ferite su collo e viso.

Il Preside, dopo aver concesso alla maestra un periodo di malattia da lei richiesta, ha fatto partire un’indagine interna per comprendere nei dettagli l’accaduto; l’insegnante, infatti, ha rilasciato una testimonianza completamente diversa da quella data dalla mamma. Secondo la maestra di matematica, infatti, sarebbe stata la madre ad aggredirla e, per questo, il marito l’ha difesa. “Siamo stanche di doverci preoccupare della tutela dei nostri figli in posti che dovrebbero proteggerli ed educarli“, ha affermato la vittima.

Video interessanti:
Cosa ne pensa l’autore
Marta Lorenzon

Marta Lorenzon - Concordo con Anna. E' assurdo continuare a doversi preoccupare dei figli mentre sono a scuola, un posto dove dovrebbero venire non solo protetti, ma educati per il loro futuro; è assurdo che continuino ad esserci episodi di violenza di tale portata. Spero che venga fatta presto chiarezza sulla vicenda e che il colpevole non solo paghi per quanto fatto, ma sia anche allontanato per sempre da questo mondo di educazione e tutela dei minori.

Lascia un tuo commento
Commenti
Anna Piccione
Anna Piccione

17 marzo 2019 - 22:35:44

Spero che l' indignazione della pubblica opinione riguardo gli atti violenti verso i bambini da parte di alcune maestre (in genere ultracinquantenni e stressate), ci sia anche verso tutti quegli insegnanti che sono vittime di genitori violenti che non riescono ad accettare un brutto voto di un figlio e aggrediscono gli insegnanti che fanno il proprio dovere o, addirittura, degli stessi alunni che minacciano i docenti o che lanciano loro addosso sedie e altro.

0
Rispondi